Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Introduzione di una nuova marca in un mercato: il caso del vino italiano in Cina

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 il 7° posto, superando quella del baijiu (fermentato di cereali ad alta gradazione alcolica),al 9° posto e della birra, 13° posto. Nel 1998, le entrate dell’industria vinicola hanno avuto però un rallentamento. Analizzando l'utile finale delle maggiori industrie, si può notare come, ad eccezione dell'industria vinicola che ha avuto un profitto del 1,8%, l'industria del baijiu ha subito una perdita del 17%, quella della birra del 8,4% e quella del vino di riso del 1,9%. Nell'ambito della regolamentazione del settore enologico, per incoraggiare la produzione del vino, sono state promosse diverse iniziative. Ad esempio, quella di sfruttare per la coltivazione dell'uva, terreni collinosi e sabbiosi non adatti alla produzione di cereali. Si vuole così favorire fermentati a bassa gradazione alcolica ma raffinati e di alta qualità. Negli ultimi anni, la produzione nazionale annua di vino ha marciato rapidamente verso quota 3.000.000 di ettolitri, arrivando nel 1996 a 2.650.085 ettolitri e nel 1997 a 2.833.000 ettolitri, corrispondenti a quasi l'1% delle bevande alcoliche prodotte in Cina. 15 Comunque nonostante gli alti tassi di crescita la produzione reale resta ancora lontana dalle previsioni dei piani di espansione produttivi redatti nel 1998 dal governo cinese: secondo tali piani la crescita doveva essere così forte da portare nel 2010 il totale prodotto a 25 milioni di ettolitri, mentre nel 2004 la produzione totale toccherà con qualche difficoltà solo i 4 milioni di ettolitri. 16 15 fonte:www.winechina.com/english; autore Jim Sun, Editor in Chief, China Wine on Line; traduzione C. Queruli e P. Maturani 16 fonte: www.putaujoupandeng.com; articolo del 28/08/2004 “La cina ci compra viti e ci vende vini” autore: Giancarlo Panarella

Anteprima della Tesi di Federico Di Biasio

Anteprima della tesi: Introduzione di una nuova marca in un mercato: il caso del vino italiano in Cina, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Federico Di Biasio Contatta »

Composta da 62 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12289 click dal 06/12/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.