Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le migrazioni franco-algerine prima e dopo l'11 settembre

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 passato anche un’importante migrazione di francesi verso l’Algeria in funzione colonizzatrice: e l’esperienza storica della colonizzazione francese dell’Algeria è profondamente legata alla nascita dei movimenti migratori verso la Francia. 7 Tornando al metodo di studio delle migrazioni, è opportuno mettere in guardia da alcuni malintesi nell’uso di certi tipi di fonti: le statistiche sono quotidianamente utilizzate anche sui mass-media per illustrare lo stato dei “flussi migratori” in entrata e in uscita da un certo paese, il numero di stranieri presenti sul territorio, ecc. È tuttavia necessario, onde evitare un uso improprio di queste importanti fonti di dati, definire i limiti di questo tipo di informazioni, riguardo la loro attendibilità, comparabilità e utilità. Non è facile raccogliere questo tipo di informazioni, poiché le migrazioni spesso non sono trasparenti, giacché per motivi legislativi o altro, per molte persone non è possibile o conveniente registrare regolarmente il proprio ingresso in un altro Stato: questo comporta sempre un certo margine di approssimazione e stima nei dati sulle migrazioni. In Francia, per esempio, per determinare la popolazione straniera si fa ricorso principalmente ai censimenti generali realizzati dall’INSEE e alle statistiche del ministero dell’Interno. I censimenti generali presentano numerose lacune nella fase della raccolta dei dati che portano a una sottostima nel conteggio degli stranieri: problemi di comprensione della lingua, insufficiente preparazione dei rilevatori, forte mobilità residenziale, il desiderio di molti stranieri di rimanere nell’anonimato, tendenza a sondare soprattutto gli uomini soli e poco la popolazione femminile e familiare. A questo si aggiunga la scarsa frequenza di questo genere di rilevazioni, dal momento che intercorrono lunghi periodi di tempo fra un censimento e l’altro. Il ministero dell’Interno invece fonda le sue rilevazioni sul computo annuale, da parte delle prefetture, dei permessi di soggiorno rilasciati: questo tende invece a sovrastimare la popolazione straniera; i diversi 7 Cfr. cap. 3.1.

Anteprima della Tesi di Alan Rotondi

Anteprima della tesi: Le migrazioni franco-algerine prima e dopo l'11 settembre, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alan Rotondi Contatta »

Composta da 152 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1175 click dal 09/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.