Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Politica estera del secondo governo Berlusconi ed il suo sostegno a Washington. Il punto di vista della stampa francese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Belgio e Francia. Le loro preoccupazioni riguardavano l’ipotesi di una scarsa propensione del nuovo governo ad impegnarsi nel processo di integrazione dell’Europa. Ma il ricordo del primo governo Berlusconi difficilmente avrebbe potuto spiegare questo atteggiamento. Come sottolinea Osvaldo Croci su The International Spectator, “a parte per l’anacronistica e sconsiderata iniziativa contro l’ammissione della Slovenia, quel governo ebbe una vita troppo breve per lasciare il segno su qualcosa. Più probabilmente, le lamentele ascoltate furono dovute ad una sempre più comune pratica delle istituzioni e degli stati membri dell’Unione di segnalare con lodevole attenzione le loro apprensioni ogni qual volta in uno stato membro viene eletto un governo che includa forze percepite ai margini delle correnti ideologiche principali dell’Europa Occidentale. In questo caso specifico, sia la Lega Nord che Alleanza Nazionale erano, per ragioni diverse, viste come rientranti in questa categoria” 2 . Lo stesso Presidente del Consiglio era stato oggetto, durante la campagna elettorale, di duri attacchi da parte della stampa internazionale, compresa quella conservatrice. Le note questioni riguardanti il conflitto d’interessi di Berlusconi, ed i procedimenti giudiziari legati alla sua persona, ed a quella di molti suoi collaboratori, erano state al centro dell’attacco di numerosi articoli della stampa estera. Tra coloro che avevano speso il loro credito internazionale per difendere Berlusconi, e la possibilità che guidasse il Paese, c’era stato l’allora Presidente della FIAT, Gianni Agnelli. L’Avvocato, difendendo da pregiudizi storici gli italiani e l’Italia, aveva affermato con una immagine di grande effetto come il nostro Paese non fosse una 2 O. Croci, “The Second Berlusconi Governement”, cit., pag. 89

Anteprima della Tesi di Francesco Bafundi

Anteprima della tesi: La Politica estera del secondo governo Berlusconi ed il suo sostegno a Washington. Il punto di vista della stampa francese, Pagina 6

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Bafundi Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4953 click dal 06/12/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.