Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Politica estera del secondo governo Berlusconi ed il suo sostegno a Washington. Il punto di vista della stampa francese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 Parlamento, potesse essere interpretato come il sintomo latente di una mancanza di competenza e di debolezza politica. Quando Ruggiero, il 6 gennaio del 2002, rassegnò le proprie dimissioni, denunciando lo scetticismo verso l’Europa di molti suoi colleghi di gabinetto ed affermando che la continuità della politica estera italiana, che lui aveva garantito, era in pericolo, la discussione riguardo il ruolo dell’Italia in Europa scoppiò con più virulenza che mai. Dopo le dimissioni di Ruggiero, Berlusconi occupò personalmente la poltrona di Ministro degli Esteri ad interim dal 7 gennaio al 14 novembre quando la cedette a Franco Frattini, uno degli uomini di punta di Forza Italia. Così facendo evitò di affrontare una pericolosa verifica sulle linee di conduzione della politica estera, specie in ambito europeo, che avrebbe potuto aprirsi all’interno della maggioranza di governo per la scelta del successore di Ruggiero, e affrontò personalmente e direttamente gli attacchi alla sua persona, oltre che al Governo, che arrivavano dal resto d’Europa. Oltre ai dubbi riguardanti la politica europea del secondo governo Berlusconi, è indubbio che la presenza nello stesso Governo dei due partiti Lega Nord e Alleanza Nazionale avrebbe potuto sollevare molte preoccupazioni anche rispetto alla continuità delle relazioni Atlantiche dell’Italia. Non bisogna dimenticare infatti come Umberto Bossi avesse voluto incontrare Milosevic quando questi era nell’occhio del ciclone americano, poco prima dell’inizio dei bombardamenti su Belgrado nel 1999; oppure che Alleanza Nazionale, la cui classe dirigente proviene quasi interamente dal Movimento Sociale Italiano, avrebbe potuto presentare per ragioni storiche delle posizioni fortemente antiamericane.

Anteprima della Tesi di Francesco Bafundi

Anteprima della tesi: La Politica estera del secondo governo Berlusconi ed il suo sostegno a Washington. Il punto di vista della stampa francese, Pagina 8

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Francesco Bafundi Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4954 click dal 06/12/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.