Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Poteri della Corona e del Parlamento nel pensiero politico inglese del XVII secolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 sempre più gravi che il regno doveva sostenere; ciò comporterà l’ingresso in Parlamento dei rappresentanti di questo nuovo e ricco corpo sociale che determinerà un sensibile aumento del peso politico della Camera dei Comuni, nella quale trovano espressione le proprie istanze. 9 In particolare i Comuni ottengono, progressivamente, il diritto di precedenza per ciò che attiene all’esame delle richieste tributarie, fino a conseguire il potere assoluto di iniziativa in materia finanziaria. Queste vicende istituzionali testimoniano l’importanza di tale periodo soprattutto se esaminato proiettando gli eventi di allora alla situazione istituzionale contemporanea; vale a dire che il XV sec. vede l’origine di procedure parlamentari che si andranno man mano evolvendo fino a diventare i pilastri delle forme di governo parlamentare; è il caso dell’” impeachment “, ossia della possibilità, da parte del Parlamento, di poter accusare e giudicare i membri del “ Consiglio privato “ della Corona limitatamente ai casi di alto tradimento; si introduce in questo modo il principio della responsabilità penale, seppur limitata, dei membri del suddetto Consiglio nei confronti del Parlamento, antesignana della responsabilità politica e del rapporto fiduciario tra potere legislativo ed esecutivo. E’ da notare che l’evoluzione del ruolo parlamentare qui descritta non si afferma attraverso disposizioni legislative, ma si consolida mediante norme consuetudinarie, la cosiddetta “ Common Law “, ossia quel corpo di norme che, tramandate dalla tradizione, costituiscono ancora oggi la base 9 L’ingresso del ceto produttivo nella Camera dei Comuni, con conseguente incremento dell’influenza politica di quest’ultima, rappresenta il momento iniziale di un processo istituzionale che condurrà ad una netta prevalenza della Camera bassa sulla Camera dei Lords, ed all’instaurazione di un bicameralismo “ imperfetto “ che significativamente è stato altresì definito “ monocameralismo temperato “, evidenziando in tal maniera la scarsa incidenza sostanziale della camera alta.

Anteprima della Tesi di Gianluca Tosco

Anteprima della tesi: I Poteri della Corona e del Parlamento nel pensiero politico inglese del XVII secolo, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Tosco Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2742 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.