Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I Poteri della Corona e del Parlamento nel pensiero politico inglese del XVII secolo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 del regno da qualsiasi autorità esterna, sia temporale che spirituale. Nel 1534 il Parlamento approvò, sebbene con qualche opposizione, l’ Act of Supremacy, nel quale veniva dichiarata l’autorità della Corona d’Inghilterra su tutte le persone e tutte le cose del regno; in particolare si affermava che “ la Maestà del Re , giustamente e con pieno diritto, è e dev’essere il Capo Supremo della Chiesa d’ Inghilterra, e tale è riconosciuto dal clero di questo reame nelle Convocazioni. (…) Il nostro Sovrano e Signore, i suoi eredi e successori sovrani di questo reame, hanno la piena autorità di curare, reprimere, riparare, riformare, ordinare, correggere, frenare ed emendare tutti quegli errori, quelle eresie, quegli abusi, quei reati, quegli oltraggi e quelle atrocità su cui si può legalmente porre rimedio”. 14 Alla morte di Enrico VIII il vescovo Cranmer volle continuare la politica riformatrice della Corona pubblicando, nel 1549 e nel 1552, i due Libri di Preghiera e, nel 1553, i quarantadue articoli di religione, intendendo in tal modo determinare, in seno alla Chiesa d’Inghilterra, una svolta in senso protestante. L’indirizzo politico perseguito da Enrico di concerto con il Parlamento fu però completamente rivoltato dalla figlia Maria, la quale, nel suo breve regno (1553-1558), che seguì quello altrettanto breve di Edoardo VI (1547-1553) si propose di perseguire, come principale obiettivo, il ricongiungimento delle sorti dell’Inghilterra alla Spagna ed alla Chiesa cattolica, anche a costo di perseguitare duramente i Protestanti; naturalmente i due Libri di Preghiera del vescovo Cranmer furono aboliti. Questa svolta in senso rigidamente filo-cattolico trovò la ferma opposizione non soltanto del Parlamento, ma di tutto il Paese. Tale situazione perdurò inglesi, onde impedire alla moglie Caterina d’Aragona di portare il caso davanti al Papa. Cfr. J.R. Tanner, Tudor Constitutional Documents 1485-1603, Cambridge, 1930, pag. 40. 14 Act of Supremacy, 1534, in J.R. Tanner, Tudor Constitutional Documents 1485-1603, cit. pagg. 46-50.

Anteprima della Tesi di Gianluca Tosco

Anteprima della tesi: I Poteri della Corona e del Parlamento nel pensiero politico inglese del XVII secolo, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Gianluca Tosco Contatta »

Composta da 187 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2742 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.