Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie e performance delle compagnie aeree low cost. I casi Ryanair, Easyjet e Virgin Express.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione e metodo 3 strategicamente cruciale, affiorò l’idea di eliminare lacci e laccioli normativi, di aprire le porte alla concorrenza, con l’obiettivo di stimolare la competizione a favore dei consumatori: l’emanazione da parte del Congresso dell’Airline Deregulation Act. Dopo anni di guerre di prezzo, di fallimenti, di acquisizioni ci si accorse che il brusco cambiamento non rappresentò una scelta felice. Ci furono chiaramente anche fenomeni positivi, come l’esperienza di Southwest Airlines, primo low cost carrier della storia. Ma nel corso del tempo aumentò drasticamente la concentrazione nel settore, tanto che negli USA sta prendendo piede l’idea di introdurre una nuova regolamentazione, meno rigida della precedente ma tale da conferire un po’ di ordine al trasporto aereo 5 . Anche in Europa da sempre vigeva un regime protezionistico nei confronti del settore. Non si poteva di certo biasimare i singoli Stati che cercavano di difendere i propri interessi economici, di preservare un settore strategico per lo sviluppo delle proprie economie, soprattutto in momento di rilancio come fu il secondo dopoguerra. Per questo nacquero, in quegli anni, le cosiddette “compagnie di bandiera”, di cui gli Stati assumevano un ruolo di controllo o comunque di azionista di riferimento. Solo alla fine degli anni ’80, dopo l’emanazione dell’Atto Unico nel 1986, quando l’Europa stava facendo i primi passi per arrivare a quello che sarebbe diventato il mercato unico, a quella che sarebbe diventata l’unione monetaria, venne emanato il “Primo Pacchetto sulla riforma del trasporto aereo”. Ne seguirono altri due, l’ultimo dei quali nel 1993, che avrebbero portato alla completa liberalizzazione 6 dei cieli europei, sia dal punto di vista dell’entrata e della mobilità nel settore, sia 5 Cfr. infra §1.3.4 I fallimenti della deregolamentazione USA. 6 In realtà il 1997 venne fissato come limite temporale per procedere anche alla liberalizzazione dei diritti di cabotaggio.

Anteprima della Tesi di Stefano Colapaoli

Anteprima della tesi: Strategie e performance delle compagnie aeree low cost. I casi Ryanair, Easyjet e Virgin Express., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Colapaoli Contatta »

Composta da 357 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 23479 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 96 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.