Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie e performance delle compagnie aeree low cost. I casi Ryanair, Easyjet e Virgin Express.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione e metodo 5 negli USA, anche in Europa la deregolamentazione ha avuto come effetto principale la nascita e lo sviluppo di un numero non indifferente di aerolinee, tra queste alcune si sono confrontate direttamente con i vettori di bandiera secondo una logica full service, altre hanno seguito una strada differente, già percorsa precedentemente dalla Southwest Airlines oltreoceano, ritagliandosi uno spazio all’interno del mercato attraverso l’offerta di voli a tariffa estremamente ridotta, ottenuta tramite strutture di costi più snelle e sensibili, nonché l’eliminazione di tutti quei servizi accessori rispetto al mero trasporto passeggeri 10 . A partire dalla metà degli anni ’90 questi nuovi operatori hanno cambiato il modo di percepire il trasporto aereo, attraverso una competizione implementata manovrando anche la leva del prezzo. In effetti negli anni precedenti alla deregulation europea le tariffe erano decise artificiosamente in sede IATA ed erano relativamente elevate perché cariche di tutte le inefficienze accumulate, per questo la competizione era concentrata sulla leva del prodotto. Leva del prodotto che viene invece quasi del tutto abbandonata dai questi nuovi attori, che offrono innanzitutto il solo trasporto, senza fronzoli, senza servizi accessori, soprattutto se gratuiti 11 . Questa nuova realtà ha stimolato un segmento di clientela insoddisfatto, ha dato una scossa al mercato in rallentamento, risulta 10 Il termine low cost carrier indica innanzitutto la particolare attenzione al contenimento dei costi, vengono utilizzate altre definizioni come low fare e no frills carrier per indicare rispettivamente l’offerta di tariffe relativamente basse e di un servizio senza fronzoli. 11 Cambia il modo di percepire il trasporto aereo, viene offerta una nuova tipologia di prodotto, più spartano forse, ma che si attaglia perfettamente alle esigenze di quella clientela non disposta a pagare gli alti prezzi dei vettori di bandiera: schematicamente è stata data ai consumatori l’opportunità di scegliere tra un volo full service e un volo no frills, coi relativi diversi livelli tariffari.

Anteprima della Tesi di Stefano Colapaoli

Anteprima della tesi: Strategie e performance delle compagnie aeree low cost. I casi Ryanair, Easyjet e Virgin Express., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Colapaoli Contatta »

Composta da 357 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 23479 click dal 07/12/2004.

 

Consultata integralmente 96 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.