Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Furiosus vel demens

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 La patria potestà, però, non era valida nel caso che un figlio o una figlia di un folle avesse voluto sposarsi, perché a sostituire il padre veniva chiamato l’avo. Il folle non poteva essere accusato di dolo, perché mancava in lui la disposizione dell’animo. Essendo il furor una malattia mentale, e non organica, chi fa un testamento deve essere sano di mente, mentre può essere ammalato di corpo. Di qui la distinzione tra vitia corporis e vitia animi: nel primo caso era consentita la restituzione di un servo; mentre ciò non era possibile nel secondo caso, a meno che il vitium corporis non fosse penetrato fino all’animo 3 . La distinzione tra malattia organica e mentale portava ad una diversa considerazione di chi avesse ucciso (D. 49, 16, 6, 7) spinto da un dolore violento della vita o malattia o follia o senso di vergogna. Questi due ultimi termini (furore aut pudore) sembrano alludere ad un male diverso da quelli enumerati precedentemente: il senso di vergogna non è un male organico, ma una specie di follia. E’ da notare che i vari termini denotanti la pazzia sembrano a poco a poco confondersi. 3 PESCANI P., B.I.D.R., Giuffrè Editore, vol.LXXXVI – LXXXVII, 1984.

Anteprima della Tesi di Cinzia Calabrese

Anteprima della tesi: Furiosus vel demens, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Cinzia Calabrese Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1452 click dal 30/10/2007.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.