Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politiche di sostegno alla mobilità geografica Sud-Nord

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 La presenza di una regolamentazione ancora forse troppo rigida, per le caratteristiche di cambiamento del mercato, rende difficile l’immissione di alcune fasce all’interno del mercato stesso. Per questo motivo la riforma prevede delle nuove forma contrattuali più “flessibili” per meglio adattarsi alle nuove esigenze del mercato. Un dato molto significativo in tal proposito c’è dato dal confronto con altri Paesi per quanto riguarda la presenza di “lavoro parziale”. Ancora una volta i dati parlano chiaro. Il lavoro a tempo parziale, per fare solo un esempio, non supera il 9%, mentre la media europea è del 18%. Paesi come l’Olanda e Regno Unito registrano tassi di molto superiori alla media, rispettivamente del 42% e del 25% 10 . Ancora c’è da evidenziare che il lavoro “nero” e irregolare assume dimensione due o tre volte superiori rispetto alla media europea. Stime recenti ci dicono che il fenomeno del lavoro irregolare riguarda oltre cinque milioni di posizioni lavorative. In sostanza a gruppi di lavoratori protetti e tutelati (gli occupati nelle amministrazioni pubbliche e nelle imprese di grande e media dimensione) si accompagnano gruppi con tutele moderate (i lavoratori atipici e i lavoratori occupati nelle piccole imprese) e gruppi senza tutela alcuna (i lavoratori in nero). Con la “legge Biagi” 11 il Parlamento autorizza il Governo ad emanare, nell’arco dei prossimi anni, alcuni decreti legislativi contenenti misure di particolare rilevanza e priorità per riformare in tempi rapidi e certi il nostro mercato del lavoro. Gli obiettivi di questa riforma sono stati chiaramente indicati dal Governo già nel «Libro Bianco sul mercato del lavoro in Italia. Proposte per una società attiva e per un lavoro di qualità» (ottobre 2001) e, successivamente, sono stati condivisi dalle trentanove organizzazioni sindacali e datoriali firmatarie del «Patto per l’Italia» (luglio 2002). 10 Fonte: Istat, Rapporto annuale. La situazione del paese 2002. 11 Questo paragrafo fa riferimento al documento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, “La legge Biagi per il lavoro”: capire la riforma, disponibile sul sito web del Ministero.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Vallone

Anteprima della tesi: Politiche di sostegno alla mobilità geografica Sud-Nord, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Giuseppe Vallone Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2494 click dal 10/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.