Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politiche di sostegno alla mobilità geografica Sud-Nord

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 Capitolo I Aspetti istituzionali del mercato del lavoro 1.1 Il mercato del lavoro nell’ultimo ventennio: le principali riforme in tema di politiche attive Nell’ultimo ventennio, in Italia, si è assistito a molti mutamenti legislativi che hanno interessato il mercato del lavoro. Nel presente lavoro un’attenzione particolare è stata riservata alla mobilità essendo uno degli aspetti più interessanti da analizzare, nel complesso quadro del mercato del lavoro. La mobilità dei lavoratori può essere determinata, oltre che dalle scelte dei lavoratori e delle imprese, anche dagli aspetti istituzionali del mercato del lavoro. Il “normale” rapporto di lavoro prevede una durata indeterminata del match lavoratore-impresa, definendo quello che comunemente si definisce “posto fisso”. L’indeterminatezza del contratto, normale o ordinario, evidenzia una delle caratteristiche basi della regolamentazione italiana del lavoro protesa alla tutela dei lavoratori 1 . Per questo motivo non mancano degli elementi di rigidità, sia per le assunzioni che per i licenziamenti, sempre a tutela dei lavoratori e al buon funzionamento del mercato del lavoro. Sino alla prima metà degli anni Ottanta le assunzioni dovevano avvenire attraverso l’ufficio di collocamento, un ente preposto a garantire pari opportunità a tutte le persone in cerca di occupazione. Per quanto riguarda i licenziamenti, essi possono determinarsi liberamente solo in presenza della “giusta causa” (o in caso di dimissioni volontarie del lavoratore). Nel corso degli anni, con l’obbiettivo di ridurre la disoccupazione, le politiche del lavoro hanno agito nel senso di ridurre la rigidità del mercato, tentando al contempo di salvaguardare i diritti del lavoratore. Nei paragrafi successivi vedremo quali sono le maggiori modifiche che sono state apportate in questo campo negli 1 Cfr: Leombruni R. e Malpede C., in Contini B. (a cura di) Osservatorio sulla mobilità del lavoro in Italia,2002.

Anteprima della Tesi di Giuseppe Vallone

Anteprima della tesi: Politiche di sostegno alla mobilità geografica Sud-Nord, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Giuseppe Vallone Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2439 click dal 10/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.