Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La teoria della significazione linguistica nel pensiero di Aristotele

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 Aristotele non ha cercato di classificare tutti i segni e non ha sviluppato una dottrina semiologica autonoma. Tuttavia l'interpretazione della lingua in termini di segni e di significato che ha proposto determina e segna tutto lo sviluppo delle teorie linguistiche e semiologiche. Il presente lavoro si propone di analizzare la teoria aristotelica della comunicazione e della significazione linguistiche nella prospettiva di una ricostruzione ragionata della semiologia del linguaggio di Aristotele. A tal fine, studieremo il rapporto di significazione che lega i simboli alle cose; vedremo in che modo le parole rimandano alle cose come segni e simboli di queste ultime; esamineremo il suono ed il senso e in che modo le parole acquistano significato; spiegheremo la categorizzazione aristotelica del nome (omonimi, sinonimi, paronimi), del verbo e delle parole indefinite; studieremo i generi delle cose, la regola del predicato e il logos. Aristotele ha chiaramente riconosciuto l'importanza, la specificità e l'autonomia relativa a tutte le arti della parola e delle funzioni linguistiche che corrispondono loro. La filosofia del linguaggio di Aristotele appare come una filosofia "plurale" della significazione. Mezzo di significazione sociale, tutto il linguaggio è segno. Aristotele ha sviluppato, inventato la maggior parte delle discipline che si occupano, in un modo o in un altro, del linguaggio: la grammatica, la logica, la dialettica, la retorica, la poetica, la fisiologia e la psicologia del linguaggio. Ma non ha tentato di costruire una scienza unica del linguaggio. Come filosofo, si è limitato a fornirci, con osservazioni ellittiche e fuggitive, gli elementi e i principi generali che sono diventati per noi "simboli" e "segni"; il nostro intento, con quest'analisi, è quindi quello di raggruppare le osservazioni di Aristotele in materia di significazione linguistica principalmente attraverso i seguenti scritti: Le Confutazioni sofistiche, Dell'Anima, la Poetica, le Categorie e il Dell'Espressione.

Anteprima della Tesi di Barbara Cordova

Anteprima della tesi: La teoria della significazione linguistica nel pensiero di Aristotele, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Traduzione

Autore: Barbara Cordova Contatta »

Composta da 83 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9167 click dal 10/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.