Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La crisi economica e finanziaria delle società di calcio professionistiche:analisi ed ipotesi di soluzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Ciò che appare meritevole di attenta analisi è la genesi stessa della crisi economico finanziaria delle società di calcio professionistiche, dal momento che questa non è da ricollegarsi ad una contrazione dal lato delle entrate (al contrario, i proventi dai contratti con le televisioni hanno assicurato un flusso di danaro di notevoli dimensioni), quanto, piuttosto, ad improvvide scelte strategiche da parte degli amministratori delle società, che non hanno saputo sfruttare questa enorme rendita derivante dall’avvento delle pay tv. Tutto questo è probabilmente riconducibile al ritardo con cui si è giunti al pieno riconoscimento della validità, anche per le società che agiscono i questo settore, dei paradigmi economico-finanziari di gestione, troppo a lungo trascurati in nome di una presunta incondizionabilità della dimensione ludica e sportiva nei confronti di quella economica e finanziaria. Certo, l’asservimento del fenomeno calcistico (che rimane, comunque, un “gioco”) alle sole regole del profitto e della buona gestione economica, appare impensabile, dato il coagulo di implicazioni sociali e la natura di “servizio d’intrattenimento” che esso ricopre nella società; tuttavia, appare chiaro come le società non possano continuare a brillare di luce riflessa, sfruttando le complicità che, da sempre, si contano con il mondo della politica, ma debbano dirigersi verso una piena autonomia economica. La necessità di trovare un compromesso vincente e credibile tra le esigenze del neocalcio (crescita delle entrate attraverso le televisioni, sponsorizzazioni, nuove tecnologie, allargamento della dimensione “spettacolare” del fenomeno) ed i valori tradizionali che contraddistinguono questa pratica sportiva (valori educativi e Decubertiniani dello sport, lealtà sportiva e logica emozionale) è resa ancor più urgente dalle parole del Capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi: “Vicende recenti del calcio manifestano l’urgenza di una sua rigenerazione morale, economica e organizzativa[...], i danari dei diritti televisivi rischiano di essere una droga che uccide il calcio italiano” (16 luglio 2004). Il lavoro è strutturato come segue: nel primo capitolo viene presentato il quadro normativo di regolamentazione del settore: gli aspetti legislativi e normativi che hanno avuto, ed hanno tuttora, influenza diretta sull’operato delle imprese calcistiche di tipo professionistico. Il capitolo in questione si propone di dare una definizione generale del quadro normativo in cui si muovono le società di calcio, analizzando il processo evolutivo della struttura giuridica dei sodalizi sportivi (il passaggio da “associazione” a “società per

Anteprima della Tesi di Marco Dolzan

Anteprima della tesi: La crisi economica e finanziaria delle società di calcio professionistiche:analisi ed ipotesi di soluzione, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Marco Dolzan Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6470 click dal 15/12/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.