Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il consumatore del servizio commerciale. Fondamenti teorici e prassi d'impresa: il caso Unicoop Tirreno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 La ricerca microeconomica, finalizzata alla comprensione del comportamento individuale del consumatore, ha prodotto contributi importanti, soprattutto nell’ambito della teoria neoclassica. Quest’ultima si fonda su alcuni assunti fondamentali: ξ ciascun individuo è perfettamente informato e a conoscenza di tutti i prodotti disponibili; ξ elabora le proprie scelte in base ad un sistema ordinato di preferenze allo scopo di massimizzare l’utilità derivante dal consumo dei beni; ξ l’utilità marginale derivante da ciascun bene è correlata negativamente alla quantità consumata del bene stesso ed il saggio marginale di sostituzione tra i beni è decrescente. Si può così costruire una serie di funzioni di utilità (curve d’indifferenza), ciascuna delle quali rappresenta l’insieme delle possibili combinazioni di beni che presentano la stessa utilità. Avendo a disposizione un certo reddito (vincolo di bilancio), e supponendo per semplicità che esso venga ripartito tra due soli prodotti, il soggetto consegue un risultato ottimale nel punto di tangenza tra la retta di bilancio e la curva d’indifferenza (si veda la figura 1.3); il che, da un punto di vista analitico, implica l’uguaglianza tra saggio marginale di sostituzione tra i due beni e il rapporto tra i loro prezzi. Tale costruzione consente non solo di verificare come variazioni del reddito o dei prezzi influiscano sulle scelte di consumo, ma anche di individuare, alla luce dell’andamento delle curve reddito-consumo e prezzo-consumo l’esistenza di diverse tipologie di beni (normali e inferiori). Figura 1.3 Le curve reddito-consumo e prezzo-consumo Fonte: Busacca, op. cit. L’intero impianto ora evidenziato regge sull’ipotesi che il consumatore, essere perfettamente razionale, scelga tra le diverse alternative massimizzando la propria soddisfazione. Appare evidente

Anteprima della Tesi di Francesca Baldazzi

Anteprima della tesi: Il consumatore del servizio commerciale. Fondamenti teorici e prassi d'impresa: il caso Unicoop Tirreno, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Francesca Baldazzi Contatta »

Composta da 276 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1451 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.