Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La cultura della 'Working-Class' in due romanzi di Alan Sillitoe

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 themselves to confront. […] They are angry at having nothing they dare to be angry about. 17 La loro protesta, secondo Carinelli, ha delle motivazioni piuttosto squallide in quanto non è una lotta in favore dei ceti più disagiati, bensì una battaglia combattuta a proprio vantaggio, “una lotta per inserirsi, integrarsi, affermarsi” nella società borghese, alla quale sentono ormai di appartenere per ‘diritto acquisito’. Per questo li definisce “pseudoribelli, pseudo-eroi, anti-eroi o non-eroi” e descrive la loro rabbia come una forma di ‘paranoia’. 18 Secondo Kenneth Allsop, la maggior parte della narrativa dei Giovani Arrabbiati ignora vaste aree della società e si impegna nell’analisi dell’individuo e dei problemi incontrati da quest’ultimo nel rapportarsi con la società stessa. A tal proposito, Allsop parla di “personality- cultism”, riferendosi ad una delle caratteristiche maggiori della narrativa arrabbiata 19 . Allsop sottolinea il fatto che in Gran Bretagna, dopo l’esperienza del ‘Welfare State’, nulla era cambiato; l’individuo poteva scegliere di aderire al modello del “good citizenship”, propagandato come criterio di condotta oppure deviare da quel modello e quindi precipitare nel baratro. L’uomo presentato dai Giovani Arrabbiati, passa dall’una all’altra posizione, dando vita a due atteggiamenti contrapposti: il “go-getter” e il “rebel”. Il “go-getter” è guidato dall’ambizione e dal desiderio di ascesa sociale ma non vuole essere assimilato dal ceto borghese del quale apprezza solo i privilegi e i vantaggi. Il “rebel” si tiene a distanza, non ha credo politico e non si occupa del prossimo, il suo rancore personale cede all’introversione. Egli non crede che sia rimasto alcun ideale per il quale 17 Ibidem, pp. 27-29. 18 Cfr. G. Carinelli, op. cit., pp. 24-28. 19 Cfr. K. Allsop, op. cit., pp. 204, 205.

Anteprima della Tesi di Monia Mezzabotta

Anteprima della tesi: La cultura della 'Working-Class' in due romanzi di Alan Sillitoe, Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Monia Mezzabotta Contatta »

Composta da 166 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2375 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.