Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Decisioni di prezzo delle imprese turistiche del distretto di Villasimius

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 “unica” la propria offerta, e quindi sfuggire dalla concorrenza creandosi delle proprie nicchie di mercato. Il grado di integrazione delle imprese è un altro fattore influente sul prezzo, in quanto potrebbe portare alla creazione di economie di agglomerazione, le quali comporterebbero dei forti vantaggi competitivi . Il prezzo di vendita è fissato anche in funzione dei caratteri propri dell’azienda, del livello dei servizi, dell’immagine conquistata sul mercato, della politica di marketing, degli obiettivi strategici fissati, dei prezzi praticati dalla concorrenza e dei principi di ricarico sopra i costi diretti.(Mark up) L’impresa turistica come ogni impresa presenta costi fissi e variabili, i costi fissi rimangono inalterati indipendentemente dalla capacità produttiva il loro importo unitario varia a seconda del diverso grado di utilizzazione della capacità produttiva; quelli variabili variano al variare della produzione. Quindi la conoscenza del grado di utilizzazione dell’impianto ha una rilevanza strategica fondamentale per le imprese di questo settore, sia perché i costi fissi rappresentano una quota importante delle spese di produzione, sia perché anche i costi variabili dipendono dal livello di servizio reso. Se indichiamo con Cf l’ammontare dei costi fissi della gestione dell’impresa turistica, con Cv l’ammontare dei costi variabili per la produzione del servizio, con Pa le presenze sempre misurate come numero di soggiorni e di clienti-acquirenti, e con c il costo variabile per unità di servizio reso(presenza) allora i costi totali di produzione C sono rappresentati dalla somma: C = Cf + Cv, con Cv = c Pa Per cui, dividendo per le presenze , otteniamo il costo medio Cm per presenza: Cm = Cf/Pa + c In base al modello del costo pieno, il prezzo di offerta del servizio viene fissato con riferimento al costo medio variabile, c. In particolare, l’impresa determina un caricamento indicato come percentuale (mark up) di c, per la copertura dei costi fissi, degli eventuali costi variabili di extra funzionamento, delle imposte ,degli oneri figurativi e del profitto netto. Allora, se indichiamo con m la percentuale di mark up, il prezzo è determinato dalla seguente semplice formula: p= c + mc = c (1+m)

Anteprima della Tesi di Morena Pintori

Anteprima della tesi: Decisioni di prezzo delle imprese turistiche del distretto di Villasimius, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Morena Pintori Contatta »

Composta da 59 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2713 click dal 15/12/2004.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.