Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ideologia di Walt Disney

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 CAPITOLO 1: UN SOGNO LUNGO UNA VITA “Quel last tycoon che nel romanzo di Francis Scott Fitzgerald, usava il pugno d’acciaio negli studios, mentre si struggeva nel cuore per uno sguardo di donna, doveva essere almeno alla lontana imparentato con Walt Disney.” G.Bendazzi 1.1 Chi era Walt Disney? Ritratto di uomo irrisolto Secondo la testimonianza di coloro che lavorarono con lui, e per lui, Disney fu un very complicated man. Al di là del mito – l’uomo dei sogni, il genio, lo ‘zio’ di tutti i bambini, affettuoso e disponibile, precursore del family entertainment, capo gentile e padre modello, rassicurante guardiano dei valori tradizionali contro un mondo cattivo e corrotto − fu un padrone carismatico, spesso duro e spietato con i suoi dipendenti, soprattutto dopo l’amara esperienza dello sciopero del 1941. Un cattivo datore di lavoro, a detta dei suoi impiegati, “inflessibile e non sempre motivato nelle sue critiche”,(1) che era solito assumere disegnatori giovanissimi e inesperti per poterne giustificare i salari da miseria. Del resto, la gratificazione ‘economica’ più grande doveva essere rappresentata dall’opportunità che dava loro di poter imparare un mestiere in uno Studio come il suo. Un individuo irascibile e dispotico, rigido ed esigente (negli uffici erano vietati divertimenti, apprezzamenti sessuali, sottintesi maliziosi,(2)

Anteprima della Tesi di Serena Todisco

Anteprima della tesi: L'ideologia di Walt Disney, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Todisco Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 31097 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.