Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ideologia di Walt Disney

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 minuziosa ricerca della perfezione tecnica fu sempre uno dei capisaldi dell’azienda. Del resto la vera vocazione di Disney fu quella (non rara nel mondo dello spettacolo dell’epoca) del grande impresario-affarista-creatore. Ciò che lo distingueva, e ne faceva emergere la figura, erano il fare deciso, la determinazione con cui perseguiva gli obiettivi prestabiliti. Aveva fiuto e intraprendenza, che uniti a una buona dose di sicurezza e testardaggine, gli permisero di creare dal nulla una delle più potenti multinazionali cinematografiche al mondo. La sua genialità risiedeva nell’inesauribile capacità di reinvestire nelle idee nuove, di anticipare i tempi, “mutando le forme della sua presenza ma lasciando accuratamente intatta la sostanza della sua «immagine»”.(4) Di fatto “Disney non conosceva l’arte del disegno, non sapeva nulla di musica, niente di letteratura, niente di niente: ma era un grande coordinatore”.(5) Sono parole di Art Babbitt, uno dei più brillanti animatori dello Studio, ma il suo pensiero esprimeva l’opinione diffusa di collaboratori e dipendenti: Walt possedeva il ‘dono’ di fare la cosa giusta al momento giusto. Si racconta che fosse unico nell’ottenere ciò che voleva: la sua forza di persuasione era pari solo alla sua capacità di convincimento. Sarebbe forse eccessivo affermare che Disney possedesse un tocco magico, ma di fatto era così: tutto (o quasi) ciò che intraprendeva, si tramutava in un successo. La sua immensa risorsa erano proprio le idee: la sua forza creativa le concepiva, le sviluppava, le rendeva vere, tangibili. Dopotutto era un gran sognatore, Walt. E trovò nell’animazione il mezzo privilegiato − l’unico, a suo avviso − attraverso il quale realizzare un progetto ambizioso: dar vita ai sogni. E ci riuscì. Riuscì a trasformare i sogni, anche se solo per poche decine di minuti, in un meraviglioso artificio sorprendentemente

Anteprima della Tesi di Serena Todisco

Anteprima della tesi: L'ideologia di Walt Disney, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Serena Todisco Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 31091 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 22 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.