Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione degli impatti ambientali e sociali nelle politiche e nei progetti della Banca Mondiale. Tematiche specifiche relative alla biodiversità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 La Banca Mondiale, istituita nel 1944 insieme al FMI con l’entrata in vigore degli accordi di Bretton Woods, ha lo scopo, in base all'atto istitutivo, di favorire la ricostruzione e lo sviluppo dei territori dei Paesi membri facilitando l'investimento di capitale a scopi produttivi; di promuovere l'investimento privato estero, fornendo garanzie o partecipando a prestiti, e di integrare l'investimento privato, erogando a condizioni convenienti, risorse finanziarie da destinare a scopi produttivi. Negli anni novanta la WB è stata pesantemente criticata per gli scadenti risultati ottenuti sul fronte dello sviluppo economico e, in particolare, per i danni sociali e ambientali provocati dai progetti che ha finanziato e promosso nei paesi del Terzo Mondo. La stessa Banca ha ammesso di aver compiuto notevoli errori 7 e il suo ruolo nella promozione dello sviluppo è stato ridimensionato dal vasto afflusso di capitali privati, impiegati in progetti redditizi nei PVS; tuttavia, permane la necessità del suo intervento in particolare nelle aree non remunerative a livello privato, quali ad esempio la sanità e l'istruzione (beni pubblici non scambiati sul mercato). Anche grazie a tali fallimenti, la Banca ha maturato una vasta esperienza circa la conformazione delle politiche di salvaguardia, la preparazione e l’implementazione di progetti ambientali, l’instaurazione di un dialogo politico. La WB deve inoltre rispondere a un contesto globale che sta cambiando (globalizzazione, rapido progresso tecnologico, ruoli del settore pubblico e di quello privato anch’essi in fase di cambiamento e ascesa della società civile, il dialogo con la quale si delinea come centrale nel nuovo approccio di cooperazione allo sviluppo). Pertanto l’istituzione ha adattato e sta adattando i suoi strumenti: da quelli di prestito a quelli che supportano lo sviluppo guidato dalle comunità locali, alle strategie di riduzione della povertà, ai programmi di sviluppo di lungo termine. A questo contesto mutevole devono essere adattate anche le politiche e gli interventi sull’ambiente 8 . La missione della Banca, volta ad una duratura riduzione della povertà, richiede che lo sviluppo sia sostenibile. Ciò significa che deve essere posta la giusta attenzione agli aspetti sociali e ambientali delle sfide di sviluppo, come enunciato nel 7 Lewis Preston, Presidente della WB dal 1991 al 1995 ha affermato: "I think the mistake the Bank has paid the highest price for was not recognizing the importance of environment". Da Goodland, R., (2000): Social and Environmental Assessment to promote sustainability. An informal view from the World Bank, Environment Department Papers, Paper no. 74, Environmental Management Series, The World Bank, Washington D.C. pag. v. 8 World Bank, (2001): “Making sustainable commitments. A World Bank strategy”, The World Bank, Washington D.C..

Anteprima della Tesi di Giovanni Malvasi

Anteprima della tesi: La valutazione degli impatti ambientali e sociali nelle politiche e nei progetti della Banca Mondiale. Tematiche specifiche relative alla biodiversità, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Malvasi Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2852 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.