Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione degli impatti ambientali e sociali nelle politiche e nei progetti della Banca Mondiale. Tematiche specifiche relative alla biodiversità

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 L’ottica della strategia infine è necessariamente di lungo periodo: l’esperienza troppo spesso ha dimostrato che i guadagni di breve periodo ottenuti con una visione poco lungimirante possono essere sommersi da più ampi cambiamenti avversi. È questo che la Banca Mondiale, forte della propria esperienza vuole evitare al fine di ottenere risultati che durino nel lungo periodo e che “portino alla creazione di un mondo migliore e più sostenibile per tutti” 20 . I costi relativi al controllo degli impatti e alla gestione delle risorse ambientali possono essere molto elevati. Pertanto si rende necessaria un’attenta analisi ai fini di una efficiente allocazione delle scarse risorse finanziarie disponibili. E’ chiaro che il successo dello sviluppo economico dipende dall’uso razionale delle risorse ambientali e dalla minimizzazione degli impatti negativi. Obiettivo che può essere perseguito con il miglioramento della selezione, pianificazione, definizione e implementazione dei progetti. Molte istituzioni finanziarie internazionali avvertono che il costo economico diretto di un progetto è relativamente facile da quantificare se non presenta esternalità di rilievo come gli impatti ambientali 21 . La domanda a questo punto è: come possono essere identificati, quantificati e valutati gli impatti ambientali dei progetti di sviluppo? I punti più importanti sono due: 1) gli impatti di cui sopra devono essere identificati e misurati; 2) devono essere adottati dei sistemi per attribuire un valore monetario a questi impatti in modo tale che sia possibile includerli nelle analisi economiche dei progetti. Soltanto quando non può essere attribuito un valore monetario un particolare impatto ambientale dovrebbe essere trattato in maniera qualitativa nell’analisi 22 . In questo quadro viene attualmente riconosciuto un ruolo sempre più rilevante alla Valutazione di Impatto Ambientale (V.I.A.). Le definizioni di V.I.A. sono molteplici e controverse a causa del suo essere “crocevia dove si incontrano interessi di discipline diverse” 23 . La «valutazione d’impatto ambientale» è un processo conoscitivo che mira ad accrescere la 20 World Bank, (2001): Making sustainable commitments. A World Bank strategy, The World Bank, Washington D.C., Executive Summary, pag. xxix. 21 Dixon, J.A., Scura, L.F., Carpenter, R.A. e Sherman, P.B., (1994): Economic analysis of Environmental Impacts, Second Edition, Earthscan Publications Ltd, London., pag. 6. 22 Ibid. 23 Querini, G., (2000): La politica ambientale della Unione Europea, Seconda Edizione, Edizioni Kappa, Roma, pag. 92.

Anteprima della Tesi di Giovanni Malvasi

Anteprima della tesi: La valutazione degli impatti ambientali e sociali nelle politiche e nei progetti della Banca Mondiale. Tematiche specifiche relative alla biodiversità, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giovanni Malvasi Contatta »

Composta da 256 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2852 click dal 13/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.