Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tra insicurezza e crescita economica: il difficile bilanciamento del welfare state

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

23 1.4. Le fonti del welfare state Nelle società moderne le condizioni di vita degli individui adulti vengono per lo più determinate entro i limiti del mercato del lavoro. Da una parte il lavoro 1 contribuisce ad incrementare la sicurezza economica delle persone: è attraverso il lavoro che le loro risorse economiche (reddito, pensioni) vengono acquisite, risorse che successivamente determineranno i loro consumi e, in senso lato, i loro standard di vita materiale. Dall’altra parte il lavoro può significare molto di più di ciò in quanto crea competenza, identità, status, contatti sociali ecc. agli individui. Così il lavoro può essere visto come un’attività che contribuisce a formare le persone e dare un certo senso alla loro vita. In altre parole, il lavoro crea welfare sotto diversi aspetti. Ciò viene per esempio riassunto da Esping- Andersen (2002): “I mercati sono la fonte principale del welfare per la maggior parte dei cittadini per la maggior parte della loro vita adulta, sia perché la maggior parte del reddito deriva dal lavoro, sia perché molto del nostro welfare viene acquistato sul mercato” 2 . Il lavoro contribuisce dunque ad arricchire il welfare degli individui sia in modo diretto (nel senso indicato sopra), sia in modo indiretto attraverso la tassazione a cui viene sottoposto per finanziare i servizi di welfare di cui potranno beneficiare in un futuro. Pertanto, più persone sono occupate, più ampia sarà la base imponibile per poter finanziare il welfare state. Inoltre, più persone impiegate nell’economia riducono la necessità di interventi da parte dello Stato e viceversa, in quanto saranno di più le persone che riusciranno a mantenersi da sole con il reddito che il mercato assicura loro. Spostando l’attenzione sul ‘welfare mix’, Kolberg e Esping- Andersen (1992), studiando l’interazione tra il welfare state ed il mercato del lavoro nei paesi industrializzati, individuano tre regimi occupazionali diversi e inoltre notano che questi tendono a coincidere con i regimi di 1 Da qui in seguito sinonimo di lavoro retribuito o salariato. 2 Esping-Andersen (2002), pp. 11.

Anteprima della Tesi di Markus Johan Ljunggren

Anteprima della tesi: Tra insicurezza e crescita economica: il difficile bilanciamento del welfare state, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Markus Johan Ljunggren Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3715 click dal 16/12/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.