Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le edizioni toscane dell'Encyclopédie. Il contributo di Ottaviano Diodati all'impresa lucchese e il confronto con le note del testo di Livorno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Ci sono poi le note del Diodati. La loro analisi ha permesso di meglio conoscere questa bizzarra figura di letterato, architetto e appassionato di teatro. La grande varietà degli argomenti trattati nelle note a margine che portano la sua firma, ci confermano l’eclettismo di interessi da cui fu animato, ci fanno scoprire aspetti sconosciuti della sua curiosità enciclopedica (la metallurgia, ad esempio), ci pongono difronte ad uno strenuo difensore della forma di governo aristocratico incarnato dalla repubblica di Lucca (della quale, a più riprese, egli propone un apologetica esaltazione ispirata o addirittura ricalcata pedissequamente sui principi espressi da Montesquieu nell’ Esprit des lois), ci confermano la sua adesione ad alcuni dei principi guida degli enciclopedisti francesi (la volontà, ad esempio, di rendere pubblici i segreti di arti e mestieri rimasti troppo a lungo appannaggio degli iniziati della professione, così come auspicato da Diderot). Infine il confronto delle note a firma Diodati con ciò che di esse viene riportato (se viene riportato) nell’edizione di Livorno. Appaiono, in questo caso, delle strategie di filtraggio degli argomenti e delle forme linguistiche da parte dei livornesi: la discriminante può essere legata all’opportunità politica (ad esempio, le note relative all’apologia della quies repubblicano-aristocratica dello stato lucchese non era certo in sintonia con la politica riformistica leopoldina), ad una specificità troppo marcata dell’argomento trattato (ad esempio, le note relative ad usi caratteristici lucchesi), ad eccessi di retorica e forme sintattiche troppo elaborate (molte delle note del Diodati riportate nell’edizione di Livorno vengono rese più agili linguisticamente), all’opportunita di fare da cassa di risonanza per polemiche che i livornesi vogliono cercare di sopire.

Anteprima della Tesi di Gabriele Benucci

Anteprima della tesi: Le edizioni toscane dell'Encyclopédie. Il contributo di Ottaviano Diodati all'impresa lucchese e il confronto con le note del testo di Livorno, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gabriele Benucci Contatta »

Composta da 453 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2823 click dal 17/12/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.