Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della Chiesa cattolica nella promozione della pace e della sicurezza internazionali: la Santa Sede ed il conflitto iracheno 2002-2004

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 economica dell Ufficio per l aiuto umanitario dell Unione europea (ECHO) 11 . L azione esterna della Chiesa cattolica non si risolve cioŁ nelle prese di posizione del Pontefice e nelle iniziative della diplomazia vaticana: essa si concretizza nella mobilitazione dei credenti in tutto il mondo, nella solidariet delle comunit diffuse sul territorio sottoposto alle operazioni belliche. Per parafrasare un noto aforisma staliniano, tante possono essere considerate le divisioni Papali 12 . Un aspetto che non trover spazio nel presente lavoro riguarda i processi di interazione tra la Chiesa cattolica e alcune forze partitiche in relazione al comune impegno volto ad evitare l avvio delle operazioni belliche e gli effetti dell azione della Chiesa nel conflitto iracheno sui fenomeni elettorali, in particolare italiani 13 . Un ulteriore argomento che a nostro avviso meriterebbe un analisi organica e che tuttavia non sar qui affrontato Ł relativo al modo in cui il clero cattolico medio-orientale ha affrontato l affaire Iraq e le ragioni del suo differenziarsi su questo punto rispetto all ambiente ecclesiastico occidentale. 1. Obiettivi Tenuto conto dell economia del presente lavoro, ci siamo limitati alla raccolta dei dati riguardanti la Santa Sede (quale pertinente organo rappresentativo del sistema Chiesa negli affari internazionali) ed il conflitto iracheno. L intento Ł quello di ricavare dalla nostra ricerca alcune informazioni sul rendimento dell azione della Chiesa cattolica in tale situazione. Ci siamo altres proposti di verificare se in questo frangente sia proseguito il percorso intrapreso dalla Chiesa alla luce del riconoscimento internazionale dei diritti umani, di ricavare ulteriore forza e legittimit per lo svolgimento della funzione internazionale dalla sua identit di ‘comunit transnazionale 11 Cfr. SIR, Servizio Informazione Religiosa, Dossier Iraq, su www.sir.glauco.it; sul ruolo della Caritas v. anche P.CIOCIOLA, L odissea degli aiuti umanitari il lavoro della Caritas e delle altre agenzie internazionali che stanno affrontando le emergenze , Avvenire, 28 marzo 2003. La Caritas Ł stata la sola ONG internazionale ad avere accesso a tutte le aree del Paese. Sul ruolo della Caritas v. anche P.CIOCIOLA, Caritas, la solidariet in prima linea , Avvenire, 7 aprile 2003. 12 «How many divisions has the pope?». La frase, attribuita a Stalin, Ł riportata da Winston Churchill in Gathering Storms, pp. 134-135. 13 Donovan in relazione alla Guerra del Golfo ha osservato: «All inizio del 1991 la minaccia di una guerra nel Medio Oriente ha avuto come risultato un intreccio di politica interna ed internazionale che Ł degno di nota in quanto ha prodotto un apparente alleanza tra gli attivisti cattolici ed i militanti comunisti, tra il Vaticano e Botteghe oscure» cfr. M.DONOVAN, Il pacifismo cattolico e la Guerra del Golfo, op. cit, p. 234.

Anteprima della Tesi di Davide Zaru

Anteprima della tesi: Il ruolo della Chiesa cattolica nella promozione della pace e della sicurezza internazionali: la Santa Sede ed il conflitto iracheno 2002-2004, Pagina 4

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Zaru Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3408 click dal 20/12/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.