Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il ruolo della Chiesa cattolica nella promozione della pace e della sicurezza internazionali: la Santa Sede ed il conflitto iracheno 2002-2004

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

15 settembre 2002 (data in cui si sono conclusi a Vienna, nella sede dell Aiea, i negoziati per la ripresa delle ispezioni in territorio iracheno da parte dell Iraq action team della stessa agenzia e da parte dell Unmovic) ed il 18 febbraio 2004 23 . Entro questo periodo possono essere individuate le fasi di crisi, tensione, violenza e, embrionalmente, di soluzione del conflitto iracheno, alle quali corrispondono le diverse azioni promosse dalla Chiesa cattolica 24 . 23 Le pubblicazioni che riguardano il recente conflitto iracheno sono sostanzialmente di carattere giornalistico. A titolo indicativo, v. M.RAI (introduzione di N.CHOMSKY), Iraq: dieci ragioni contro la guerra, Torino, Einaudi, 2003; N.SOLOMON e R. ERLICH, Bersaglio Iraq Le verit che i media nascondono , Milano, Rizzoli, 2003; U.RAPETTO e R.DI NUNZIO, Attacco all Iraq: cento ragioni segrete, incredibili, ovvie, Milano, RCS libri, 2003; P.J.LUIZARD, La questione irachena, Milano, Feltrinelli, 2003; L.ANNUNZIATA, No La seconda guerra irachena e i dubbi dell Occidente, Roma, Donzelli editore, 2003. Sulla strategia statunitense della sicurezza post 11 settembre v. B.WOODWARD, La guerra di Bush, Milano, Sperling & Kupfer, 2002, C.PANELLA, Saddam, Casale Monferrato (AL), edizioni Piemme, 2003, p. 279 e S.ROMANO, Il rischio americano l America imperiale, l Europa irrilevante , Milano, Longanesi & C., 2003, pp. 91ss. 24 Sulle fasi dei conflitti v. A.PAPISCA e Marco MASCIA, Le relazioni internazionali nell era dell interdipendenza e dei diritti umani, op. cit, pp. 370-383. Relativamente all ultima fase del conflitto iracheno riteniamo significativo il contributo del Card. Mario Francesco Pompedda, il quale, interrogato da Bruno Vespa su quale tribunale potrebbe giudicare i crimini compiuti da Saddam Hussein fa riferimento alla Corte Internazionale di giustizia prevista dallo statuto Onu escludendo nella maniera piø assoluta la previsione di un tribunale americano. Cfr. B. VESPA, Diamo all Onu un nuovo statuto , Panorama, 17 aprile 2003, p. 55.

Anteprima della Tesi di Davide Zaru

Anteprima della tesi: Il ruolo della Chiesa cattolica nella promozione della pace e della sicurezza internazionali: la Santa Sede ed il conflitto iracheno 2002-2004, Pagina 9

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Davide Zaru Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3408 click dal 20/12/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.