Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La multicanalità nel settore bancario e le sue analisi competitive

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 Prima che questo processo evolutivo in direzione della multicanalità si mettesse in moto, la filiale era il canale esclusivo di contatto fra la banca e il cliente e ciò non soltanto per una scelta, ma anche in conseguenza di una volontà delle autorità di vigilanza che intendevano così porre l’attività in questione al riparo da trasformazioni che potevano rendere più difficile il controllo dei flussi finanziari (emblematico è l’iniziale divieto di situare, tranne poche eccezioni, le apparecchiature per il prelievo automatico del contante al di fuori della realtà di agenzia volendo così riaffermare il principio che il Bancomat era una macchina e non un canale di vendita). Se si osserva lo sviluppo che hanno avuto gli sportelli bancari, si può constatare che la loro crescita è stata continua: Fonte: Rivista Bancaria-Minerva Bancaria, n.1,1999, p.96.

Anteprima della Tesi di Anna Maria Clerici

Anteprima della tesi: La multicanalità nel settore bancario e le sue analisi competitive, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Anna Maria Clerici Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2770 click dal 20/12/2004.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.