Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Patente a punti e incidenti stradali: un'analisi di intervento

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 1.4 Incidentalità stradale: i dati Istat Il risultato tangibile di una politica finalizzata a migliorare la sicurezza stradale non può che essere verificato attraverso il numero di incidenti stradali avvenuti dopo il suo inizio. Altri dati interessanti sono quelli riguardanti le conseguenze degli incidenti: non è scontato che a una determinata variazione nel numero di incidenti corrisponda una variazione delle stesse proporzioni sulle loro conseguenze, ovvero il numero di feriti o morti da essi causati. In Italia i dati sugli incidenti stradali e sulle loro conseguenze sono forniti dall’Istat, l’Istituto Nazionale di Statistica, e sono presentati fino alla forma più articolata possibile dal punto di vista territoriale (province), temporale (ora del giorno) e delle circostanze in cui si sono verificati (tipo di strada, condizione atmosferica). Le informazioni sull’incidentalità sono raccolte mensilmente dall’Istat in stretta collaborazione con l’Aci (Automobile Club d’Italia) e sono frutto di una cooperazione tra vari altri enti come il Ministero dell’Interno, la Polizia stradale e municipale, i Carabinieri, gli uffici di statistica dei capoluogo di provincia. La rilevazione avviene tramite un modello apposito compilato dalle forze dell’ordine preposte al controllo della circolazione e alla disciplina del traffico: polizia stradale, carabinieri e polizia municipale. Nel 2002 la polizia stradale ha fornito il 25% delle rilevazioni, i carabinieri il 20%, la polizia comunale il restante 55%. Solo la polizia stradale e la polizia comunale dei maggiori comuni italiani trasmettono per via telematica le proprie rilevazioni all’Istat, mentre le altre forze dell’ordine interessate le inviano in forma cartacea.

Anteprima della Tesi di Claudio Manzan

Anteprima della tesi: Patente a punti e incidenti stradali: un'analisi di intervento, Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Statistiche

Autore: Claudio Manzan Contatta »

Composta da 56 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3039 click dal 23/12/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.