Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Efficienza e redditività delle Società di Gestione del Risparmio

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Classificazione delle voci di Gestito 0 5 10 15 20 25 30 35 40 45 1990 2000 1990 2000 1990 2000 Italia Germania Usa Risparmio gestito in % AF Fondi comuni in % AF Prodotti assic a capitalizzaz % AF Il presente grafico 9 mostra quale spazio occupa il risparmio gestito all’interno del totale attività delle famiglie, e scompone tale quota in risparmio non finalizzato e risparmio previdenziale. Nella componente di risparmio non finalizzato sono comprese ogni forma di impiego della ricchezza individuale la cui finalità non è espressa nelle caratteristiche contrattuali dei servizi sottoscritti. Il risparmiatore aderisce pertanto a quote di questi prodotti (Fondi comuni aperti, chiusi, mobiliari, immobiliari, speculativi, Sicav, Etf…), il cui profilo di rischio-rendimento assume vesti quanto mai diverse, secondo logiche individuali che variano dal market timing all’asset allocation consapevole ed in funzione o meno della finalità che avranno le risorse in surplus accantonate al termine dell’investimento. L’investitore istituzionale punta dunque ad offrire un ventaglio di proposte d’impiego quanto mai variegato, al fine di favorire l’incontro tra la propria offerta e le singole esigenze della clientela. Essa può essere consigliata o meno nelle proprie scelte di investimento da financial advisors, subordinati o meno all’investitore istituzionale, al fine di costituire il portafoglio più adeguato alle proprie caratteristiche ed aspettative. Ciò tuttavia non significa che il gestore del fondo comune conosca le finalità 10 che abbiano portato ogni singolo cliente a sottoscriverne le quote. La finalità della componente di risparmio previdenziale è invece nota all’investitore istituzionale, il quale impiega le risorse con obiettivi di ritorno nel lungo periodo allo 9 Fonte: Elaborazione sui dati proposti e rielaborati né “Il risparmio gestito”, Marco Onado, Editrice Bancaria. Fonti proposte: Usa, Flow of funds; Germania, Bundesbank; Italia, Banca d’Italia. 10 Ad esempio risparmio finalizzato all’acquisto della seconda casa piuttosto al mantenimento degli studi dei figli o semplicemente per logiche di market timing. Fonte: ns elaborazione sui dati proposti né “Il risparmio gestito” Marco Onado Editrice Bancaria 2001.

Anteprima della Tesi di Riccardo Semeghini

Anteprima della tesi: Efficienza e redditività delle Società di Gestione del Risparmio, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Semeghini Contatta »

Composta da 202 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3098 click dal 24/12/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.