Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Kljuev le verità nelle poesie e nella realtà. Kljuev ed alcuni pensatori tedeschi. (Dubbi, problemi e controversie)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 Il soggetto cambia: è il figlio. La terza strofa inizia con una negazione, così come la quarta. Il figlio nega il percorso di vita del padre, lo nega decisamente e contrappone il GEMITO DEI PADRI al BOATO DEI TUONI, contrappone il verbo riecheggia al verbo пролетит (passerà volando). La contrapposizione è netta, da tutti i punti di vista: dal punto di vista politico, dal punto di vista linguistico e dal punto di vista stilistico. Anche il primo verso inizia con una similitudine, ma in questo caso non è per negare qualcosa, ma per confermare una scelta di vita. La contrapposizione è anche fonosimbolica. La stessa struttura grammaticale e stilistica si ripete anche nella quarta strofa, nella quale il figlio proclama definitivamente qual è la sua scelta politica, che è quella di non arrendersi al potere zarista, ma di reagire, magari trovando anche il martirio, anche se questa colta il poeta è un uomo libero. Troviamo un'espressione che riprende il verso 1 безглазным рaбом, che significherebbe letteralmente schiavo senza voce e che io ho scelto di tradurre come SCHIAVO SENZA PAROLA. Questa volta l'espressione viene negata. Il poeta non è più schiavo, ma LIBERA AQUILA, l'immagine stessa di aquila parla di libertà. Egli continuerà ad intonare il suo canto (допеть), ma questa volta non è più un canto funerario. La vita di Kljuev sarà esattamente così, come egli annuncia nella poesia. Questa poesia incita all’azione, a non lasciarsi trascinare passivamente dagli eventi. Il martirio è dunque una possibilità di redenzione, rappresenta la possibilità di una nuova vita a costo, anche, del sacrificio della propria. Quel che leggeremo nelle poesie in seguito confermerà questa scelta, fino all’ultima problematica parte della sua vita. Il suo percorso sarà simile a quello di Esenin e, come per Esenin, la sua morte non sarà mai del tutto chiara. 11 Il suo entusiasmo e il suo coinvolgimento per la Rivoluzione si perderanno per strada, così come quello dello stesso Esenin e di altri poeti, che avevano seguito il loro stesso percorso politico e culturale. Resta da capire il perché. 11 Idem.

Anteprima della Tesi di Stefano Pancaldi

Anteprima della tesi: Kljuev le verità nelle poesie e nella realtà. Kljuev ed alcuni pensatori tedeschi. (Dubbi, problemi e controversie), Pagina 14

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Stefano Pancaldi Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 861 click dal 25/02/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.