Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 E’ difficile una definizione delle sue opere, spesso si è chiamato il poeta del lavoro per la sua grande abilità nel mostrare ne Il posto e in Un certo giorno delle istantanee della società italiana nel pieno boom economico, definito elegiaco e crepuscolare nell’Albero degli zoccoli, bigotto a causa della spiritualità in Camminacammina e in E venne un uomo. E’ depistante ed ingiusto voler semplificare le sue opere, catalogare il suo operato, Olmi ha avuto il coraggio di raccontare il quotidiano fatto di fatica, di rinunce, di vinti, di responsabilità, ha raccontato la realtà di ogni giorno; il suo scopo è narrare, è un autentico poeta, capace di rendere visibili e concreti i pensieri. L’interesse principale di Olmi è lo spettatore, a “lui” vuole dare una prospettiva nuova per vedere, interrogarsi, e nella nostra società è segno di profondo anticonformismo. Ecco dove collocare Il mestiere delle armi, che non è: «..la fuga da un presente giudicato brutto e spiacevole» 3 , ma piuttosto un evento collocabile in qualsiasi epoca: è la vita di un uomo che si trova a fare i conti con la guerra ed inevitabilmente con la morte; in un tempo lontano dal nostro, ma carico di tradimenti e contraddizioni che mi appaiono, nella sostanza, come lo specchio sfocato del nostro secolo. In momenti come il nostro in cui non si sa che strada intraprendere è gioco- forza guardarsi indietro, alla ricerca non del tempo perduto ma delle realtà, dei valori smarriti. Chissà che proprio tra certi valori del passato messi frettolosamente da parte non si trovi la chiave per capire il presente e per scegliere la strada giusta per l’ avvenire . 3 Franco Montini, L’eroismo è essere se stessi, in «Vivilcinema-Bimestrale di informazione cinematografica» marzo-aprile 2001, n. 2, p. 12 Adriano Aprà (a cura di), Il cinema di Ermanno Olmi, incontri cinematografici Monticelli Terme-Parma 1979 II edizione, p. 15

Anteprima della Tesi di Emma Minelli

Anteprima della tesi: ''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emma Minelli Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3688 click dal 28/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.