Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

11 6) Stacco netto, campo medio, punto di vista lato destro di un baldacchino si vede l’angolo destro della stanza, in piedi un personaggio di spalle che guarda fuori dalla finestra. La voce dell’ Aretino prosegue «…con il consenso di Dio avevano prescritto il termine…» 7) Sempre in campo medio si ha la stessa angolazione della 6, ma dal lato opposto, alla porta è affacciato un personaggio che guarda in direzione del baldacchino, alle cui spalle si vede il volto dell’Aretino; la sua voce lega tutte le immagini e gli stacchi «…ultimo del Signore nostro,… » 8) Primo Piano del personaggio affacciato all’ingresso della porta, a lato dell’immagine didascalia “FEDERICO GONZAGA MARCHESE DI MANTOVA 1500-1540” alle sue spalle l’ Aretino, la voce off prosegue «ognun di noi, scordandosi di sé medesimo..» il Gonzaga guarda in fuori campo in direzione del personaggio alla finestra, e poi in direzione del letto. 9) Inquadratura 7 Federico Gonzaga esce in fuori campo allontanandosi dalla porta «…piangeva rammaricandosi che la sorte avesse senza ragione..» 10) Mezza figura del personaggio dell’inquadratura 6, didascalia “LOYSO GONZAGA , CUGINO DI FEDERICO GONZAGA” «..portato a morire nel maggior bisogno della guerra,..» si gira e guarda nel fuori campo nella direzione del baldacchino. 11) Stacco netto spazio all’aperto. Piano ravvicinato di cavalli che trainano un carro, movimento di macchina, ci vengono mostrate delle armature vuote appese nel carro, voce off dell’Aretino: «..di un così nobile e valoroso capitano..» 12) Campo lungo sul carro che si allontana, un uomo a piedi affianca il carro, un cavallo bianco è legato sul retro; cambia la voce off: «Non avvenne così spesso, in questa guerra.. » 13) Interno di una tenda da campo scossa dal vento, sul cui fondo sul lato sinistro un personaggio in piedi parla guardando in macchina «..che si facessero fatti d’arme come già si costumava di fare»

Anteprima della Tesi di Emma Minelli

Anteprima della tesi: ''Il mestiere delle Armi'' di Ermanno Olmi: Forma, enunciazione, rappresentazione della morte, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Emma Minelli Contatta »

Composta da 120 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3688 click dal 28/12/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.