Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

"The Masque of Queens" di Ben Jonson

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

5 Ricordiamo fra gli altri una festa data da Papa Sisto IV in onore di Eleonora d’Aragona, figlia del re Ferdinando di Napoli in visita a Roma. Tutti gli elementi di questa festa erano quelli peculiari dl masque: la danza, il travestimento, i portatori di torce, ecc. Oltre agli elementi strutturali dello spettacolo l’eredità italiana del masque inglese consiste anche nell’allestimento delle scenografie. Inigo Jones, grande designer presso la corte di Giacomo I, nonché collaboratore di Ben Jonson, aveva viaggiato molto in Italia, specie a Firenze, dove ebbe modo di conoscere varie tecniche scenografiche tra cui l’uso della prospettiva per i fondali, nuovi effetti di luce e l’uso di macchinari scenici sempre più elaborati 3 . Un altro componimento che è degno di essere ricordato proprio per il contributo che portò al masque inglese fu lo spettacolo organizzato a Firenze nel 1515 in occasione del matrimonio di Francesco de’ Medici con Giovanna d’Austria. La struttura dello spettacolo poggiava sostanzialmente sull’allegoria, strumento utilizzato per esaltare le virtù degli sposi, e lo stesso accadrà in The Haddington Masque di Ben Jonson. La messinscena, curata dal Brunelleschi, prevedeva l’utilizzo dei primi e rudimentali macchinari scenici, oltre a un abile uso delle luci fisse e mobili, che permettevano le apparizioni improvvise in scena (elemento tipico del masque inglese) 4 . Presso la corte di Enrico VIII il masque acquisì una forma più precisa e se ne scoprirono soprattutto le potenzialità propagandistiche. 3 Steven Orgel and Roy Strong: Inigo Jones, the Theatre of the Stuart Court. Sotheby Parke Bernet Publications, London, 1973. In questo volume sono presenti numerose informazioni sugli elementi scenografici utilizzati da Inigo Jones per la preparazione dei masque. 4 Per le fonti del masque inglese vedere il volume a cura di Antonio Amato: Ben Jonson Masques, Mario Bulzoni Editore, Roma, 1966.

Anteprima della Tesi di Rossella Lesi

Anteprima della tesi: "The Masque of Queens" di Ben Jonson, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Rossella Lesi Contatta »

Composta da 212 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2311 click dal 14/01/2005.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.