Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione in Rete nelle emergenze: il caso del disastro dello shuttle Columbia

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 Introduzione Per chi si occupa dello studio dei mezzi di comunicazione, le emergenze costituiscono punti di vista privilegiati per capire le logiche di funzionamento dei singoli media, le dinamiche della loro fruizione e le tendenze che guidano il giornalismo contemporaneo. In seguito alle grandi catastrofi i mezzi di comunicazione, sottoposti all’accelerazione e allo sconvolgimento della routine produttiva, evidenziano i propri limiti, le proprie potenzialità e le funzioni che svolgono nel sistema sociale e mediale. Proprio la comunicazione giornalistica sul Web in situazioni di emergenza costituisce l’oggetto di questo lavoro, in relazione alla copertura informativa offerta dal sito Web di CNN ad una emergenza che ha sconvolto gli Stati Uniti e il mondo intero: il disastro dello shuttle Columbia, esploso in fase di rientro la mattina di sabato 1 Febbraio 2003. L’obiettivo dell’analisi è quello di capire perché le persone si rivolgono al Web, cercando di mettere in luce i vantaggi offerti da questo nuovo mezzo alla comunicazione giornalistica in situazioni di emergenza. Il primo capitolo delinea il campo d’indagine, soffermandosi sulle peculiarità dei disastri moderni, di cui l’esplosione del Columbia rappresenta una esemplificazione. Questo ha fornito l’occasione per discutere della natura ambigua del progresso e del mito dell’esplorazione spaziale, mostrando il legame che unisce la storia della conquista dello spazio e la storia di Internet e i punti di contatto tra la figura dell’astronauta e quella dell’internauta, moderne incarnazioni del pathfinder, il pioniere, protagonista mitico della storia e della cultura americane. Il secondo capitolo approfondisce l’importanza e la complessità delle funzioni svolte dai media in seguito ai grandi disastri, sottolineando il fascino che circonda questi eventi: è l’ideologia stessa che muove il giornalismo che porta a privilegiare il negativo e la rottura della normalità e che ha decretato il successo del più famoso canale televisivo all-news del mondo, CNN. Particolare attenzione è stata riservata proprio alle caratteristiche dell’informazione fornita da CNN, nel suo duplice tentativo di adeguarsi alle esigenze di uno spettatore sempre più di passaggio, che ho definito, parafrasando il titolo di un famoso saggio di

Anteprima della Tesi di Federica Belli

Anteprima della tesi: La comunicazione in Rete nelle emergenze: il caso del disastro dello shuttle Columbia, Pagina 1

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Federica Belli Contatta »

Composta da 129 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2492 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.