Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concorso esterno nei reati associativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

14 Il secondo argomento critico verso l’esigenza di un’efficacia causale del contributo concorsuale fa leva sulla difficoltà di identificare il secondo termine del nesso causale. Non potrebbe trattarsi sempre della condotta “principale” dell’autore, perché una tale impostazione fallirebbe in rapporto alle ipotesi di esecuzione frazionata 26 . Non pare tuttavia trattarsi di obiezioni decisive 27 . L’art. 110 c.p. riferisce il concorso al (medesimo) “reato”: al termine deve darsi un significato che presuppone la realizzazione di un fatto tipico, consumato o tentato. Anche i seguaci della teoria della fattispecie plurisoggettiva eventuale partono dal presupposto che tale “nuova” fattispecie richieda la realizzazione di tutti gli elementi della fattispecie incriminatrice di parte speciale 28 . Concorre, dunque, chiunque dia un contributo causale al fatto, realizzando o contribuendo a realizzare uno dei suoi elementi costitutivi. Si può cioè contribuire alla condotta altrui, all’evento oppure, insieme ad altri, a realizzare la condotta complessivamente lesiva del bene giuridico. L’obiezione relativa all’inconfigurabilità di un rapporto causale in rapporto all’evento giuridico trascura il dato per cui l’offesa al bene tutelato deve dipendere sempre da una modificazione del mondo esterno, da un accadimento naturalistico in cui essa si incorpora; ed è rispetto a tale modificazione della realtà che è sempre prospettabile una causalità lesiva, anche quando non è possibile isolare un evento naturalistico dalla condotta tipica 29 . 26 V. per tutti M. GALLO, Lineamenti di una teoria sul concorso di persone nel reato, Milano, 1957, 17-18; PAGLIARO, Principi di diritto penale, Parte generale, Milano, 1996, 548 ss.; ALBEGGIANI, Imputazione dell’evento e struttura obiettiva della partecipazione criminosa, in Ind. Pen. 1977, 408. 27 CAVALIERE, Il concorso eventuale nel reato associativo, Napoli, 2003,222. 28 Così DELL’ANDRO, La fattispecie plurisoggettiva in diritto penale, Milano, 1956 7-8, 79-81. 29 FIORELLA, Reato in generale. A) Diritto penale, in Enc. Dir., XVI, Milano, 1967, 131 ss; MAZZACUVA, Il disvalore di evento nell’illecito penale, Milano, 1983, 108 ss.,116 ss., 134 ss.

Anteprima della Tesi di Giulia Masi

Anteprima della tesi: Il concorso esterno nei reati associativi, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Masi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12066 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.