Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concorso esterno nei reati associativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

9 condotta principale, cui accedano le condotte secondarie dei partecipi: l’esecuzione del reato può essere frazionata tra le condotte di più soggetti. Ed è proprio in rapporto a tale fattispecie che va stabilito se la condotta di ciascun soggetto è tipica. Quando infatti le loro condotte presentano i requisiti costitutivi della fattispecie plurisoggettiva, esse sono tipiche anche se tali non sarebbero se raffrontate con le fattispecie del reato monosoggettivo. Poiché un’associazione richiede per definizione una pluralità di persone che si uniscono stabilmente per realizzare un programma comune, i reati associativi rientrano nella più ampia categoria dei reati necessariamente plurisoggettivi o a concorso necessario 12 , la cui trattazione verrà ripresa più avanti. Infatti il dibattito intorno alla configurabilità del concorso eventuale nei reati associativi ruota in misura rilevante intorno alla possibilità di distinguere e di isolare un tale concorso eventuale dalla partecipazione, semplice o qualificata, all’associazione; la soluzione prescelta in materia di concorso dipende quindi dalla nozione di partecipazione. Ma bisogna distinguere tra concorso di persone nel reato e associazione. Mentre nel primo caso l’accordo criminoso è circoscritto alla commissione di uno o più reati singolarmente individuati e si esaurisce dopo la loro commissione, nel secondo caso, invece, il pactum sceleris 12 SPAGNOLO, I reati associativi, in Enc. Giur,1; ID, Dai reati meramente associativi ai reati a struttura mista, in AA.VV., Beni e tecniche della tutela penale, Milano, 1987, 42 ss.; ID, Criminalità organizzata e reati associativi: problemi e prospettive, in Riv. It. Dir. proc. pen. 1998, 1161 ss; DELPINI, Concorso di persone nel reato e reati associativi, Milano, Università degli studi, 1993; MONTANARA, Aspetti problematici dei reati associativi, Latina, 1985; PISA, Delitti contro la pubblica amministrazione e contro la giustizia, reati associativi /, Padova, 1997; CASELLI/PERDUCA, I delitti contro la personalità dello Stato, in Codice Penale. Parte speciale, Giurisprudenza sistematica di diritto penale, I, Torino, 1984, 1 ss.; CONTENTO, Il concorso di persone nei reati associativi e plurisoggettivi, in Scritti 1964-2000, Bari, 2002, 109 ss.; CONTIERI, I delitti contro l’ordine pubblico, Milano, 1961; DE MAGLIE, Teoria e prassi dei rapporti tra reati associativi e concorso di persone nei reati- fine, in Riv. It. Dir. proc. pen. 1987, 924 ss.; DE VERO, I reati associativi nell’odierno sistema penale, in Riv. It. Dir. proc. pen. 1998, 385 ss.; GROSSO, Le fattispecie associative: problemi dogmatici e di politica criminale, in AA.VV., Criminalità organizzata e risposte ordinamentali, a cura di Sergio Moccia, Napoli, 1999, 133 ss.

Anteprima della Tesi di Giulia Masi

Anteprima della tesi: Il concorso esterno nei reati associativi, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giulia Masi Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12066 click dal 30/12/2004.

 

Consultata integralmente 52 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.