Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità ambientale e il bilancio sociale: l'esperienza del comparto chimico e petrolifero della provincia di Livorno

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 1 - Responsabilità sociale e gestione d’impresa 10 riferisce, fondamentalmente, alle risorse di cui l’impresa può usufruire in termini di know-how tecnologico, di marketing, di capacità e conoscenze manageriali nonché a quelle di cui può godere presso i suoi interlocutori in termini di immagine, di stima, di fiducia. Tali risorse, meglio identificabili come “risorse immateriali”14, concorrono a comporre il prezioso capitale intangibile dell’impresa e, ove non effimere e saggiamente amministrate, possono determinare una sua maggiore competitività rispetto a minacce concorrenziali attuali e future. Non meno rilevante è il vantaggio concorrenziale ecologico derivante dalla sensibile riduzione dei costi che, nel lungo periodo, l’investimento in tecnologie di protezione ambientale può generare. Il cambiamento dei sistemi di produzione, le manutenzioni più frequenti, la sostituzione dei materiali inquinanti, il recupero degli scarti o il loro riutilizzo, comportando la riduzione degli sprechi delle risorse, l’abbassamento delle emissioni e dei residui di lavorazione da smaltire e persino la valorizzazione dei sottoprodotti, è foriera di una migliore efficienza d’impresa che non mancherà di garantire sensibili e vantaggiose economie. Anche la realizzazione di prodotti “eco-compatibili” può costituire fattore di vantaggio competitivo. La “differenziazione” dei propri prodotti rispetto a quelli delle concorrenti incapaci di un pronto adeguamento alle emergenti istanze dei consumatori, determina una più forte posizione concorrenziale dell’impresa che potrà generare, nel tempo, il miglioramento della sua situazione reddituale. La capacità di mantenere per lungo periodo i vantaggi competitivi conseguiti verso i concorrenti, frutto di un impegno costante e di continui progressi, oltre a tradursi, in prospettiva, in migliori performance competitive e reddituali, costituisce, per la stessa, un rilevante “generatore di valore”. Quanto fino ad ora affermato ci porta ad esprimere almeno due diverse considerazioni. 14 La nozione di “risorse immateriali” adottata è quella proposta da Itami che le identifica come “risorse basate sull’informazione o che la incorporano”, Itami (1988), pag. 35.

Anteprima della Tesi di Daniela Ferrieri

Anteprima della tesi: La responsabilità ambientale e il bilancio sociale: l'esperienza del comparto chimico e petrolifero della provincia di Livorno, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Daniela Ferrieri Contatta »

Composta da 329 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4905 click dal 03/01/2005.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.