Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tecniche di produzione dell'elettrolita nelle celle ad ossidi solidi SOFC

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

6 La cella a combustibile fornisce corrente continua: solo un dispositivo chiamato invertitore può generare corrente alternata prima che l’elettricità possa avere un impiego domestico o commerciale. Sia nell’invertitore sia nel reformer si perde energia, specie in forma di calore. Benché le celle a combustibile possano avere efficienze superiori al 45% nella conversione da combustibile a corrente elettrica, le perdite di energia nell’invertitore e nel reformer possono ridurre l’efficienza complessiva di circa il 40%. Tuttavia si può recuperare il calore dissipato per scaldare l’acqua o l’aria. Spesso si crede che le celle a combustibile per impianti fissi debbano essere molto più potenti di quelle impiegate per alimentare le auto. In realtà una cella di soli 40-50 kW può soddisfare le esigenze di una casa di grandi dimensioni o di un piccolo esercizio commerciale.

Anteprima della Tesi di Oscar Filippini

Anteprima della tesi: Tecniche di produzione dell'elettrolita nelle celle ad ossidi solidi SOFC, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Oscar Filippini Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1454 click dal 04/01/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.