Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il meccanismo della rimozione nella vita psichica - Sue connessioni con la scissione nella psicoanalisi delle psicosi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

4 INTRODUZIONE Gli studi psicoanalitici (da Freud ai nostri contemporanei) non finiscono mai di confermare l’importanza della rimozione come elemento costitutivo della vita psichica. Come afferma lo stesso Freud nel suo saggio sulla Storia del movimento psicoanalitico (1914) il concetto di rimozione appartiene a quella categoria di concetti, accanto a quello di inconscio, che costituiscono “il pilastro su cui la psicoanalisi poggia tutto il suo edificio teorico e la sua prassi terapeutica” (1914, p. 54). La rimozione, che allontana dalla coscienza i desideri inaccettabili, è il più classico e importante fra i meccanismi di difesa: “essa assicura che i desideri incompatibili con la realtà, le richieste pulsionali e ancora altre spinte motivazionali rimangano inconsci o vengano camuffati” (Bateman e Holmes, 1995, p. 96). Le idee fondamentali della psicoanalisi furono enunciate per la prima volta nel 1893 da Josef Breuer e Sigmund Freud nella “Comunicazione preliminare”, che faceva da introduzione agli Studi sull’Isteria. Tre anni dopo, Freud si riferiva al metodo terapeutico “catartico” di Breuer, consistente nella ricerca clinica condotta sui ricordi traumatici rimossi dai pazienti, come al nuovo metodo della psicoanalisi. Se, come afferma Hinshelwood, “originariamente la rimozione fu il meccanismo di difesa per Freud” (1989, p. 606) più tardi “egli iniziò a segnalarne altri” (ivi, p. 606). Come conferma la stessa Anna Freud, con il tempo “la rimozione viene ridotta nel suo significato a ‘un caso particolare’ di difesa. Il nuovo concetto della funzione della rimozione diventa un incentivo a ricercarne gli altri casi particolari di difesa e a classificarli in quanto conosciuti e descritti nel lavoro analitico” (1936, p. 179).

Anteprima della Tesi di Chiara Lukacs Arroyo

Anteprima della tesi: Il meccanismo della rimozione nella vita psichica - Sue connessioni con la scissione nella psicoanalisi delle psicosi, Pagina 1

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Chiara Lukacs Arroyo Contatta »

Composta da 227 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13776 click dal 03/01/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.