Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nella Rete delle redazioni: viaggio dal Corriere dell'Umbria a Rai News 24

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

città (vedi il caso di Bassora) venivano conquistate prima dai titoli dei giornali che dalle truppe alleate » 22 . La filosofia di chi ha deciso il conflitto è all’opposto di quella del predecessore che ha condotto l’attacco l’Iraq nel 1991: non più poche notizie e immagini, ma al contrario una copertura totale degli eventi. Sono stati gli stessi americani che hanno inventato la figura del giornalista “embedded”, cioè un giornalista che vive con i soldati, si muove ed è protetto da loro. Sono stati selezionati ed addestrati seicento giornalisti, perché vivano gomito a gomito con i soldati e raccontino il conflitto dallo stesso punto di vista degli americani. Come spiega Pratellesi «per quanto intellettualmente attrezzato, finirà per vedere le cose con gli occhi dei soldati e per parlare di “noi” riferendosi ai marines e di “loro” per indicare gli iracheni» 23 . Ma oltre ai seicento “scelti” e previsti dagli americani, per l’Iraq sono partite anche truppe di giornalisti indipendenti che cercano di condurre dei reportage di guerra avvantaggiati dalle nuove tecnologie leggere, che permettono di andare in giro da soli ed anche di passare inosservati. Mentre prima il materiale necessario all’inviato di guerra era molto ingombrante, si trattava di quintali di attrezzature, oggi, come spiega Pratellesi «si sono visti servizi di guerra trasmessi con il videotelefono satellitare TH-1 (Talking Head- 1): una valigetta di 35 x 25 centimetri che funziona con temperature da -10 a 60° C e si alimenta da 90 a 260 volt o con la batteria dell’auto. Costo a partire da 10.000 dollari, peso 4 chili. Per immagini di alta qualità l’attrezzatura non è comunque molto più ingombrante: il piatto satellitare Swe-Dish pesa 40 chili tutto compreso, sta 22 Pratellesi M., NewJournalism, Milano, Mondadori, 2004, pag. 37 23 ivi, pag. 31

Anteprima della Tesi di Alessandra Tibollo

Anteprima della tesi: Nella Rete delle redazioni: viaggio dal Corriere dell'Umbria a Rai News 24, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandra Tibollo Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2468 click dal 03/01/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.