Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nella Rete delle redazioni: viaggio dal Corriere dell'Umbria a Rai News 24

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

abbiamo la garanzia che il nostro interlocutore sia realmente la persona che crediamo» 4 . Soprattutto tra i personaggi molto impegnati o molto famosi è ampiamente diffusa l’usanza di affidare la compilazione di questo tipo di interviste ai loro incaricati, che nel testo di Pratellesi vengono chiamati “ghost-writer” 5 . In certi casi, questo tipo di personaggi dispongono di veri e propri staff che fungono da ufficio stampa. La verifica dell’autenticità delle risposte che arrivano nella casella di posta elettronica del giornalista è praticamente impossibile. Essa si basa solo sull’accordo fiduciario tra il giornalista e il suo interlocutore e con gli strumenti finora a disposizione non c’è un modo per compiere una attendibile verifica di tale autenticità. L’unica soluzione potrebbe essere l’uso di mezzi ancor più evoluti della posta elettronica, come la videochat e la videochiamata. Secondo Pratellesi, «si tratta di tecniche non ancora molto diffuse, ma destinate a prendere piede con la diffusione della banda larga in Internet e nella telefonia cellulare» 6 . Finora, è solo attraverso questo tipo di mezzi che si pensa di risolvere il problema della verifica dell’identità di chi risponde. In ogni caso, secondo Pratellesi, «non sarà mai come l’esperienza diretta: mancheranno il colore sull’ambiente, la percezione degli odori, il movimento delle mani o dei piedi che tradiscono aspetti del carattere, imbarazzi, bugie e mezze verità» 7 . In pratica, se da una parte questi nuovi mezzi tecnologici aiutano il giornalista in termini di produttività e di velocità, dall’altra parte diminuiscono le possibilità di servirsi della propria esperienza sul campo. 4 ibidem 5 Pratellesi M., NewJournalism, Milano, Mondadori, 2004 6 ivi, pag. 95 7 ibidem

Anteprima della Tesi di Alessandra Tibollo

Anteprima della tesi: Nella Rete delle redazioni: viaggio dal Corriere dell'Umbria a Rai News 24, Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandra Tibollo Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2469 click dal 03/01/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.