Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nella Rete delle redazioni: viaggio dal Corriere dell'Umbria a Rai News 24

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2.5 Il terrore corre sul Web Tornando alle “catene di sant’Antonio”, anche se non si rivolgono in particolare ai giornalisti, bensì agli utenti della Rete, alcune di esse sono diventate casi di cronaca. Come spiegano Porro e Molino, le “catene di sant’Antonio”, per essere ritrasmesse da una casella di posta elettronica all’altra si servono di “esche” per creare il loro meccanismo di comunicazione virale. Porro e Molino, nel testo “Disinformation Technology” annoverano fra i vari tipi di “esche” le diverse forme di solidarietà (umanitaria o sociale) 8 . A queste, da un po’ di tempo, se ne può aggiungere un’altra: si tratta della sensazione di pericolo imminente, la psicosi, che fa viaggiare i messaggi ad altissima velocità, come è successo per le recenti “catene di sant’Antonio” che preannunciavano attacchi terroristici. Dopo l’11 Settembre 2001 il livello di allerta è diventato altissimo. Almeno una volta alla settimana, almeno un medium fra i tanti dichiara che c’è il rischio di attentato nel nostro Paese o altrove. È in clima di paura come questo che attecchiscono con una facilità impressionante le “catene di sant’Antonio” che predicono gli attentati terroristici. Un mese dopo il terribile attentato di Madrid, avvenuto l’11 Marzo 2004, in moltissime caselle di posta elettronica è giunto un messaggio che diceva pressappoco: “una mia amica che fa la hostess di cui mi posso sicuramente fidare ha sentito parlare sul suo aereo di un attentato previsto per il giorno di Pasqua”, poi l’e-mail rigirata veniva attribuita all’amica della mia amica e così via. In una notizia come questa, l’esca principale è la paura diffusa, ma non mancavano altri “ingredienti” per rendere credibile quella che si è rivelata 8 cfr. Molino W. e Porro S., Disinformation tecnology, Milano, Apogeo, 2003

Anteprima della Tesi di Alessandra Tibollo

Anteprima della tesi: Nella Rete delle redazioni: viaggio dal Corriere dell'Umbria a Rai News 24, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Alessandra Tibollo Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2468 click dal 03/01/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.