Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema dell'unità sindacale a Trieste nell'immediato dopoguerra (1945 - 1947). L'esperienza della Commissione Centrale di Intesa Sindacale.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

spesso alla subordinazione delle lotte sindacali per il miglioramento delle condizioni dei lavoratori alle strategie generali delle parti in causa. Affrontare quindi il problema sindacale della Venezia Giulia nell’immediato dopoguerra non significa solo analizzare il contesto economico in cui versava la regione, i problemi del mondo del lavoro e dei lavoratori, ma soprattutto vuol dire comprendere la storia di una terra lacerata dai contrasti nazionali e dal destino incerto, un periodo di grande tensione sociale che addensava mille incognite sul futuro di Trieste, una città ormai declassata, a cui la storia aveva voltato le spalle. Obiettivo di questa ricerca è ripercorrere le principali vicende sindacali dal 1945 al 1947, un arco di tempo relativamente breve, ma denso di avvenimenti che si riflessero sulla vita sindacale e che segnarono pesantemente il destino del proletariato giuliano: si tratta di un periodo che inaugurò una lunga stagione di lotte che continuarono fino agli anni Sessanta, ma caratterizzato anche da tentativi di collaborazione tra i due sindacati di Trieste, brevi parentesi in una realtà di tensioni, divisioni e violenze. I rapporti tra i dirigenti dei due sindacati operanti a Trieste nel dopoguerra furono improntati continuamente alla diffidenza, alle polemiche reciproche ed ai rancori del passato, il che impedì un dialogo costruttivo ed ostacolò il processo di unità sindacale: tutti i tentativi unitari furono condizionati dalla precaria situazione politico-istituzionale in cui versava la città e dalle pregiudiziali avanzate dai due sindacati. A Trieste quindi la strada dell’unità sindacale non venne percorsa per parecchi anni e le cause della mancata realizzazione di un fronte sindacale unitario sono molteplici: innanzitutto bisogna tenere presenti i decenni di aspra contrapposizione tra le due etnie autoctone della regione, l’italiana e la slava, dovuta alla politica fascista di oppressione nazionale nei confronti degli slavi residenti nella Venezia Giulia, politica che alimentò le spaccature già esistenti in una zona etnicamente mista e che contribuì a

Anteprima della Tesi di Elisa Bianchin

Anteprima della tesi: Il problema dell'unità sindacale a Trieste nell'immediato dopoguerra (1945 - 1947). L'esperienza della Commissione Centrale di Intesa Sindacale., Pagina 3

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Elisa Bianchin Contatta »

Composta da 257 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1933 click dal 07/01/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.