Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il problema dell'unità sindacale a Trieste nell'immediato dopoguerra (1945 - 1947). L'esperienza della Commissione Centrale di Intesa Sindacale.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

La Resistenza quindi nacque divisa nei territori della Venezia Giulia e a Trieste operarono due movimenti di liberazione; si trattava di due posizioni diverse nel concepire la lotta contro il nazifascismo: una tradizionale, facente capo al PCI ed ai partiti del fronte italiano; l’altra, nuova e rivoluzionaria, ispirata dal comunismo jugoslavo, esaltava e perseguiva la rivoluzione sociale come unico mezzo per liberare i popoli oppressi. Queste differenti posizioni e questa diversità di programmi e di impostazione strategica giocarono un ruolo molto importante anche dopo la Liberazione, quando i comunisti giuliani continuarono a percorrere una strada a senso unico anche in campo sindacale, una strada che non permetteva deviazioni e soprattutto non ammetteva nessun ripensamento sul modo di concepire la lotta rivoluzionaria per la costruzione del socialismo nella Venezia Giulia. A Trieste quindi si crearono due schieramenti politici contrapposti, fra i quali non esisteva nessuna possibilità di dialogo e di confronto al di fuori della contrapposizione frontale: le caratteristiche del contesto politico locale si riflessero anche sulle organizzazioni sindacali costituite a Trieste, per le quali il principale elemento di distinzione fu la connotazione politica: da una parte ci furono i Sindacati Unici, uno degli strumenti di potere popolare creati dal fronte filoslavo per assicurare l’adesione di massa alle iniziative del partito comunista jugoslavo e per realizzare l’annessione della regione Giulia alla Jugoslavia come settima repubblica federativa. Sull’altro fronte si costituirono i Sindacati Giuliani (riconosciuti dalla CGIL come Camera Confederale del Lavoro nel gennaio 1946), legati allo schieramento dei partiti non comunisti (partito socialista di unità proletaria, partito d’azione, democrazia cristiana) e favorevoli alla soluzione italiana della vertenza territoriale. Alla fine della guerra, la ricostruzione dei sindacati liberi a Trieste avvenne dunque sotto il segno delle fratture creatisi durante la Resistenza,

Anteprima della Tesi di Elisa Bianchin

Anteprima della tesi: Il problema dell'unità sindacale a Trieste nell'immediato dopoguerra (1945 - 1947). L'esperienza della Commissione Centrale di Intesa Sindacale., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Elisa Bianchin Contatta »

Composta da 257 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1935 click dal 07/01/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.