Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

17 2. L’EVOLUZIONE STORICA DEL FENOMENO SPORTIVO: IL PASSAGGIO ALL’AGONISMO A PROGRAMMA ILLIMITATO Lo sport moderno, inteso come attività organizzata stabilmente e basata su un sistema normativo universale e vincolante tutti coloro che si dedicano alla pratica sportiva, ha origini piuttosto recenti: risale infatti alla seconda metà del XIX secolo la nascita ed il progressivo sviluppo dei più importanti apparati dell’organizzazione sportiva. Prima di allora lo sport veniva senza dubbio praticato, ma solo da parte delle classi sociali più elevate che si dedicavano ad alcune attività sportive, in special modo all’equitazione, al tiro e alla scherma; si trattava comunque di attività di mero svago e soprattutto esse costituivano lo strumento di preparazione tecnica al duello che era il modo tipico di risoluzione delle controversie di onore. Invece, alla fine del XIX secolo, cominciarono a diffondersi nuove pratiche sportive, vennero create nuove tecniche e nuove discipline, in modo tale che le organizzazioni sportive dovettero assumere strutture adeguate alle nuove dimensioni e funzioni dello sport e fornirsi di una nuova regolamentazione più precisa e rigorosa. Le cause dello sviluppo del settore sportivo furono molteplici, sia di carattere storico, sociologico, politico, sia di ordine scientifico e tecnologico: migliorarono, infatti, le comunicazioni e i trasporti; vi furono progressi nell’attività industriale, venne creata l’energia elettrica; tutte cause, queste, che contribuirono al miglioramento del livello di vita di estese collettività e che portarono ad un nuovo modo di intendere e praticare lo sport. Così l’attività sportiva non venne più concepita come attività occasionale, senza o con scarso spirito agonistico, ma, anzi, subì un

Anteprima della Tesi di Chiara Jannuzzi

Anteprima della tesi: Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Chiara Jannuzzi Contatta »

Composta da 319 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4015 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.