Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

20 3. LA FORMAZIONE STORICA DELLE ORGANIZZAZIONI SPORTIVE ED IL LORO SVILUPPO: IL C.I.O., IL C.O.N.I. E LE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI La nascita e lo sviluppo delle prime organizzazioni sportive sono legate al ripristino dei giuochi olimpici, alla fine del XIX secolo; essi vennero ristabiliti durante la riunione del Congresso internazionale degli sport atletici, avvenuta il 16 giugno 1894, su iniziativa del barone De Coubertin. Nel giorno stesso in cui furono indette le Olimpiadi, il Congresso internazionale creò il Comitato olimpico internazionale (C.I.O.), assieme alla Carta olimpica, quest’ultima consistente in una raccolta organica di norme, di carattere precettivo, programmatico ed enunciativo, formanti lo statuto dell’ente. Il C.I.O. è una organizzazione internazionale, non governativa e senza scopo di lucro, costituita in associazione con personalità giuridica, avente sede a Losanna; la sua nascita è dovuta all’intento di creare vincoli stabili tra tutti coloro che praticano lo stesso sport nei diversi Paesi, secondo i principi della Carta olimpica. I suoi membri, nominati per cooptazione, provengono dagli Stati che hanno un Comitato olimpico nazionale riconosciuto dallo stesso C.I.O. I fini istituzionali di questa associazione sono di carattere educativo, culturale, etico e sociale e si riassumono nella difesa del movimento olimpico e nelle propaganda del dilettantismo sportivo. I suoi compiti principali consistono, anzitutto, nell’assicurare il regolare svolgimento, con frequenza quadriennale, delle Olimpiadi; nell’incoraggiare altre competizioni sportive anche diverse dai giuochi olimpici ed infine nel garantire l’osservanza dei principi dell’olimpismo e delle regole sportive fondamentali, sancite dalla Carta olimpica.

Anteprima della Tesi di Chiara Jannuzzi

Anteprima della tesi: Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Chiara Jannuzzi Contatta »

Composta da 319 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4015 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.