Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 Tuttavia, si deve tener conto che tale struttura esplica le proprie funzioni e persegue le proprie finalità all’interno dell’ordinamento statale, il quale ha mostrato più volte il suo interesse per tale materia. Il legislatore statale ha infatti emanato una apposita legge per la disciplina del C.O.N.I. e delle federazioni sportive nazionali o per la regolamentazione del rapporto di lavoro sportivo (legge n. 426/1942 abrogata dal d.lgs. n. 242/1999 e legge n. 91/1981), è intervenuto per dare una soluzione a specifici problemi attinenti, in particolare, alla frode sportiva e al doping (legge n. 401/1989, concernente gli “Interventi nel settore del giuoco e delle scommesse clandestine e tutela della correttezza nello svolgimento di competizioni agonistiche” e legge n. 376/2000 contenete la “Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping”); recentemente, poi, ha cercato di regolare i rapporti tra la giustizia statale e quella sportiva attraverso la legge n. 17 ottobre 2003, n. 280. La progressiva importanza assunta dal fenomeno sportivo, i numerosi interventi dello Stato in tale ambito, nonché i vari contrasti verificatisi tra quest’ultimo e l’organizzazione sportiva, hanno spinto la dottrina ad individuare una giusta e precisa collocazione del fenomeno sportivo all’interno della realtà statuale. In un primo tempo, la dottrina, in particolar modo M. S. Giannini, ha applicato la teoria sulla pluralità degli ordinamenti giuridici, formulata da S. Romano, al fenomeno sportivo: quest’ultimo costituirebbe un vero e proprio ordinamento giuridico che viene ad esplicare le proprie funzioni e a perseguire le proprie finalità all’interno dello Stato, ma che allo stesso tempo si distingue da esso in quanto dotato di un proprio apparato organizzativo, di propri soggetti, sia persone fisiche che giuridiche, e di un proprio sistema normativo.

Anteprima della Tesi di Chiara Jannuzzi

Anteprima della tesi: Il fenomeno sportivo nello Stato italiano tra la teoria pluralistico-ordinamentale e l'impostazione statualistica, Pagina 2

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Chiara Jannuzzi Contatta »

Composta da 319 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4015 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.