Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Dal divieto d'interposizione nella manodopera alla somministrazione di lavoro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 dell’appalto, la quale non avrebbe altro scopo che di coprire un’interposizione nel lavoro. Si voleva quindi impedire in modo assoluto e radicale l’utilizzazione di lavoro subordinato da parte di un soggetto diverso dal formale datore di lavoro/parte del contratto di lavoro. Si voleva impedire la scissione fra posizioni attive (diritti) e passive (obbligazioni) derivanti in capo al datore di lavoro contraente con la stipulazione del contratto di lavoro 9 . La sanzione prevista dalla legge per queste ipotesi è particolarmente severa: i prestatori di lavoro occupati in violazione dei divieti posti dalla legge sono considerati, a tutti gli effetti, alle dipendenze dell’imprenditore che effettivamente abbia utilizzato la loro prestazione (art. 1, co. 5°). In virtù di tale utilizzazione, il contratto concluso con l’intermediario viene conservato e funge da presupposto per la surrogazione soggettiva legale dell’imprenditore al datore di lavoro intermediario. Oltre a questa sanzione civile è prevista, a carico tanto dell’imprenditore utilizzatore, quanto dell’appaltatore o altro intermediario, anche una sanzione penale (art. 2). Il principio fondato dalla l. 1369 è innovativo: in base alle sole regole del diritto civile, nulla avrebbe impedito all’imprenditore e al non imprenditore di ricevere prestazioni di lavoro di dipendenti altrui. L’art. 2094 cod. civ. 10 è neutro al riguardo e non preclude di per sé l’applicazione di istituti di carattere generale, quali la cessione del 9 M.T. CARINCI, C. CESTER, Somministrazione, comando, appalto, trasferimento d’azienda. Titoli III e IV. Artt. 20-32, 2004, IPSOA 10 È prestatore di lavoro subordinato chi si obbliga mediante retribuzione a collaborare nell’impresa, prestando il proprio lavoro intellettuale o manuale alle dipendenze e sotto la direzione dell’imprenditore

Anteprima della Tesi di Clara Rita Longo

Anteprima della tesi: Dal divieto d'interposizione nella manodopera alla somministrazione di lavoro, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Clara Rita Longo Contatta »

Composta da 179 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7037 click dal 10/01/2005.

 

Consultata integralmente 44 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.