Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili evolutivi della trasparenza bancaria: dal testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia al progetto PattiChiari

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

16 colloca a monte rispetto a quello dell’altra impresa. Le seconde invece riguardano imprese operanti nello stesso mercato. Nella fattispecie di intesa non vengono inoltre fatti rientrare quelli che sono i possibili accordi tra le imprese appartenenti allo stesso gruppo societario. Infatti il gruppo, secondo l’Autorità garante, si configura come «una singola unità economica all’interno della quale le società affiliate, pur avendo personalità giuridica distinta, non dispongono di una effettiva autonomia ma applicano in sostanza le direttive impartite dalla società madre» 11 . Ciò premesso, vale la pena di ricordare di come le attività collusive non vengono vietate sic et simpliter ma vengono valutate come lesive della concorrenza solo quando provocano svantaggi ingiustificati (art. 2, comma 2, lettera d). La legge si concentra quindi su quegli accordi attraverso i quali le imprese decidono di «regolare i rispettivi comportamenti mediante una volontaria limitazione della libertà d’azione sul mercato, a prescindere dai connotati formali e dalla natura degli impegni assunti» 12 . Si può affermare, dunque, che non esiste un modello standard definito a priori su cui valutare quantitativamente e qualitativamente l’esistenza di una lesione della concorrenza ma, piuttosto, occorre appurare di volta in volta la presenza di un livello di competizione commisurato nel mercato preso in considerazione. Come precisato nel testo della legge le intese vietate «sono nulle ad ogni effetto» (art. 2, comma 3), a meno che «diano luogo a miglioramenti nelle condizioni di offerta sul mercato i quali abbiano effetti tali da comportare un sostanziale beneficio per i consumatori e che siano individuati anche tenendo conto della necessità di assicurare alle imprese la necessaria concorrenzialità sul piano internazionale e connessi in particolare con l'aumento della produzione o con il miglioramento qualitativo della produzione stessa o 11 Autorità Garante della concorrenza e del mercato, Relazione annuale, aprile, 1991. 12 Autorità Garante della concorrenza e del mercato, Relazione annuale, aprile, 1992.

Anteprima della Tesi di Cristian Vecchiato

Anteprima della tesi: Profili evolutivi della trasparenza bancaria: dal testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia al progetto PattiChiari, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cristian Vecchiato Contatta »

Composta da 197 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5101 click dal 11/01/2005.

 

Consultata integralmente 26 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.