Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Parco delle Orobie tra difficoltà e innovazione nei mutamenti della montagna bergamasca

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Il Parco delle Orobie tra difficoltà e innovazione nei mutamenti della montagna bergamasca 1 INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di indagare, in prima battuta, la situazione attuale del Parco delle Orobie Bergamasche alla luce dei rinnovati scenari su cui si affaccia. Il quadro evolutivo, e in talune circostanze quasi involutivo, del contesto montano orobico, evidenzia la necessità di attuare politiche di gestione del territorio che convergano sugli obiettivi di sostenibilità ambientale e sulle necessità di sostentamento di economie vallive compromesse che sembrano offrire poche valide alternative allo spopolamento. Partendo da un sintetico quadro conoscitivo del contesto, capace di evidenziarne le problematiche e le criticità, in una logica ispirata alla valorizzazione del territorio che attraverso forme di fruizione sostenibile possa rappresentarne anche una modalità di governo e presidio, si propongono soluzioni di varia portata e scala. Si sottolinea principalmente, come un progetto di certificazione ambientale ispirato agli standard internazionali ISO e EMAS possa imprimere una svolta significativa ad un siffatto contesto, sulla base anche delle esperienze attuate sul territorio nazionale. Infatti, si evidenzia come il Sistema di Gestione Ambientale che rappresenta il preludio all'ottenimento dell'attestazione possa proporsi come strumento di gestione territoriale andando a innestarsi su di un substrato di strumenti pianificatori che nel loro sovrapporsi, confliggere e convergere, lasciano ancora dei margini di azione allo stesso SGA. Si sottolinea come quest'ultimo possa integrarsi nel contesto pianificatorio con la forza di uno strumento volontario, capace di calzare la realtà locale nella sua complessità con il vantaggio, che è elemento distintivo del processo di certificazione ambientale, di operare azioni correttive in itinere. Si vuole evidenziare come questo carattere di feed-back tipico dei processi ispirati agli standard ISO ed EMAS, che peraltro manca agli ulteriori strumenti di pianificazione territoriale, ne esalti le potenzialità.

Anteprima della Tesi di Federica Gavazzi

Anteprima della tesi: Il Parco delle Orobie tra difficoltà e innovazione nei mutamenti della montagna bergamasca, Pagina 1

Tesi di Master

Autore: Federica Gavazzi Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1917 click dal 13/01/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.