Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema visivo del Danio rerio come modello di studio per malattie congenite umane: induzione di ciclopia e studio immunoistochimico.

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Attualmente si conoscono solo dati preliminari riguardo ai fattori che mediano la comparsa della ciclopia indotta dall’etanolo nelle tappe iniziali dello sviluppo di questa specie. Quello che è certo è la comparsa di anomalie morfologiche e deficienze nell’espressione genica in porzioni concrete dell’encefalo ventrale, identiche a quelle che presentano i ceppi cyclops e one-eye- pinhead (Strähle et al., 1997). Tuttavia non si conoscono ancora le modificazioni posteriori che subisce la via di connessione retino-tettale negli embrioni indotti rispetto al riordinamento dei modelli di connessione. Diversi casi di oloprosencefalia sono stati riscontrati come derivanti da mutazioni del gene umano sonic hedgehog. Cyclops produce segnali necessari per il corretto sviluppo del mesoendoderma che genera un tessuto (placca precordale) che modella l’encefalo ventrale anteriore e separa l’iniziale campo ottico negli occhi bilaterali. Errori di questi processi portano ad un encefalo ridotto e alla ciclopia (occhi fusi); in ogni caso altre regioni cromosomiali che contengono geni non ancora identificati, producono difetti di nascita molto simili. Per questa ragione gli scienziati si sono impegnati a studiare più a fondo il preciso ruolo dell’equivalente umano del gene cyclops del Pesce Zebra nel modellamento del sistema nervoso durante lo sviluppo embrionale. La via visiva dei Teleostei in animali adulti è ben studiata e conosciuta da un punto di vista morfologico, immunocitochimico e ultrastrutturale (Velasco et al., 1995; Lillo et al., 1998), sia in condizioni normali che dopo la realizzazione di manipolazioni chirurgiche. Queste manipolazioni provocano l’integrazione di meccanismi neuronali e extraneuronali, come le modificazioni nella popolazione gliale e nel mezzo extracellulare, implicate nella riorganizzazione della connessione retino-tettale (Stuermer, 1988; Velasco et al., 1997).

Anteprima della Tesi di Andrea Calia

Anteprima della tesi: Il sistema visivo del Danio rerio come modello di studio per malattie congenite umane: induzione di ciclopia e studio immunoistochimico., Pagina 5

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Andrea Calia Contatta »

Composta da 118 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2827 click dal 13/01/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.