Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Kabuto, Jingasa eMengu: evoluzione storica e studio dell'elmo giapponese con speciale riferimento agli esemplari delle civiche raccolte milanesi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

- - 13 1.1 Kabuto: hachi, mabisashi e shikoro L’elmo vero e proprio, o kabuto, è una componente fondamentale del kacchū 3 . Potremmo definirlo come il più importante tra gli elementi corazzati che, combinati tra loro in modo armonico, proteggono testa, faccia e collo del condottiero nipponico. Dobbiamo però precisare che con la parola kabuto si indica l’elmo completo di tutte le sue principali componenti: hachi, mabisashi e shikoro. Figura 1 Kabuto (visto da davanti) 3 Con il termine kacchū si indicano, contemporaneamente, l’armatura e l’elmo. Si tratta, infatti, della lettura sino-giapponese degli ideogrammi che stanno per yoroi (armatura) e kabuto (elmo). Cfr. ARAI Hakuseki, The Armour Book in Honchō Gunkikō, trad. di Y. Otsuka, London, H. Russel Robinson, 1964, p. 121.

Anteprima della Tesi di Chiara Piovesan

Anteprima della tesi: Kabuto, Jingasa eMengu: evoluzione storica e studio dell'elmo giapponese con speciale riferimento agli esemplari delle civiche raccolte milanesi, Pagina 9

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere Moderne

Autore: Chiara Piovesan Contatta »

Composta da 247 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1208 click dal 11/01/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.